venerdì, 18 settembre 2020

News

Normative

Telecamere a tappeto, l'impiego condiviso dei dati sia rispettoso della privacy

05/12/2019

MILANO - Non sono sufficienti generici motivi di sicurezza per giustificare l’accesso da parte delle forze di Polizia dello stato ai dati acquisiti dalla polizia locale con le telecamere di lettura targhe e gli autovelox.

Sono necessari sempre rapporti formali, convenzioni e precise regole di sicurezza, che tutelino la privacy e i principi di proporzionalità e necessità. A chiarirlo è il Garante della privacy con l’inedito parere n. 13588/2019 inviato alla provincia di Brescia.

Alcune forze di polizia dello stato avevano fatto richiesta alla provincia dell’accesso, per motivi di sicurezza e di controllo del territorio, alla banca dati locale, generata dai sistemi automatici provinciali di controllo del traffico. La provincia ha tentato di  formalizzare l’accesso richiedendo in seguito il nulla osta al garante, ai sensi dell’art. 2-ter del codice privacy.

A parere dell’autorità centrale, il trattamento dei dati personali per finalità di polizia non ricade nella previsione del regolamento Ue 2016/679 e nel correlato codice privacy ma nella disciplina speciale introdotta dal dlgs 51/2018 che ha recepito nell’ordinamento la direttiva Ue 2016/680. Anche l’acquisizione dei dati da parte delle forze di polizia deve sempre avvenire in conformità alle disposizioni normative.  

Se si tratta di dati acquisiti da soggetti terzi, il titolare deve essere autorizzato a trattarli per le stesse finalità di polizia. In questo caso specifico, la provincia stava elaborando dati per finalità amministrative di controllo stradale, dunque su un piano diverso da quello previsto per la videosorveglianza urbana integrata disciplinata dalla direttiva 680.

Il Garante osserva che l’utilizzo per finalità di polizia “di un dato acquisito ad altro fine da parte di una pa costituisce una forte interferenza con il diritto alla vita privata” e quindi deve rispettare i principi di necessità e proporzionalità.  In particolare nel caso di accesso telematico massivo interforze è sempre necessario regolare formalmente i rapporti tra i diversi titolari del trattamento, prevedendo procedure di sicurezza e convenzioni ad hoc, con tanto di eventuali accordi di contitolarità.

 

(Fonte: sicurezzaurbanaintegrata.it)



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2020

INTERACTIVE LIVE STREAMING
23-24-25 settembre 2020

Formazione privacy

  • Videosorveglianza e privacy: tecnologie, GDPR, videosorveglianza, cosa cambia?
    Validato da TÜV Italia
  • 10 domande sulla Privacy
    Validato da TÜV Italia

Formazione Norme CEI

  • Norma CEI 64-8: Criteri di prestazione dell'impianto elettrico
    Validato da TÜV Italia
  • Realizzi un impianto antintrusione secondo la norma?
    Validato da TÜV Italia
  • Norme CEI: Analisi e valutazione del rischio
    Validato da TÜV Italia

Formazione Antincendio

  • Il nuovo Codice di Prevenzione incendio

Formazione Responsabilità

  • Obblighi e responsabilità per gli operatori della videosorveglianza
    Validato da TÜV Italia

Formazione Commerciale

  • Vendere Sicurezza - Prima e dopo il Covid: come è cambiata la vendita

Formazione Manageriale

  • Welfare aziendale: come costruire un piano di successo

Videsorveglianza Urbana integrata

  • Per Operatori della Pubblica Amministrazione
    23 settembre, 9:00-12:30

Privacy Channel

Ethos Academy

  • Nuova data Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza
    Bologna, 29-30 Ottobre

Tecniche di vendita

Vitekna

  • Vendere sicurezza 2.0: dopo il Covid-19 come cambia la vendita
    Cercola (NA), 3-10-17 ottobre

Vigilo4You - Vigilanza Group

  • Vendere sicurezza oggi
    Brescia, data in definizione

Pillole formative

DST
Norme CEI sistemi videosorveglianza

  • Cologno Monzese (MI)
    data in definizione

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Coronavirus e comparto sicurezza