sabato, 13 aprile 2024

W la Privacy

W la Privacy

Auto connesse e rischi per la privacy

16/10/2023

A rendere le automobili uno dei luoghi in cui il profilo della privacy è più a rischio è l'Internet of Things (IoT).

Una recente indagine di Mozilla ha messo in evidenza alcuni aspetti che riguardano le principali case automobilistiche e che si riferiscono alle componenti IT di cui le vetture sono sempre più spesso dotate e attraverso i quali possono essere veicolate informazioni sui nostri comportamenti, in modo che può non essere rispettoso della privacy.

In alcuni casi sono le stesse previsioni della normativa a presentare criticità sulla protezione dei dati personali.

Auto, sicurezza stradale e privacy, alcune riflessioni 

In questa sede si intende infatti approfondire alcuni aspetti inerenti al trattamento dei dati personali sempre nel mondo automobilistico, in funzione di due Regolamenti UE finalizzati alla sicurezza stradale e delle persone; si tratta di:

Regolamento UE 2015/758 (eCall) che prevede l’impianto sulle nuove auto del cd sistema eCall per chiamare in automatico, oppure manualmente, il 112, tramite centri di raccolta delle chiamate di emergenza (cd. PSAP) gestiti da una autorità pubblica o da un soggetto privato autorizzato. Tale sistema è finalizzato a ridurre il numero di vittime nell'Unione e la gravità delle lesioni causate dagli incidenti stradali, grazie all'allerta precoce dei servizi di emergenza. Il Regolamento riconosce la possibilità di sistemi privati analoghi (TPS eCall, già esistenti) che sugli autoveicoli possono essere anche compresenti ma non sostitutivi di quello pubblico, che è obbligatorio per le vetture la cui omologazione è stata approvata dal 31 marzo 2018; i due sistemi non possono inoltre scambiarsi dati.

Regolamento UE 2019/2144 relativo ad alcune funzionalità tecniche di cui devono essere provvisti i veicoli a motore afferenti alla sicurezza e protezione degli occupanti dei veicoli e degli altri utenti della strada, con l’obiettivo di ridurre in modo significativo il numero di decessi e di lesioni gravi sulle strade.

Questo Regolamento impone una dotazione base di tecnologie di sicurezza per le auto: a) adattamento intelligente della velocità; b) interfaccia di installazione di dispositivi di tipo alcolock; c) avviso della disattenzione e della stanchezza del conducente d) avviso avanzato di distrazione del conducente e) segnalazione di arresto di emergenza; f) rilevamento in retromarcia; e g) registratore di dati di evento (RDE) o (ulteriori sistemi sono previsti per veicoli diversi dalle auto). Dal 6 luglio 2022 solo le auto con RDE possono avere l’omologazione UE, mentre dal 7 luglio 2024, invece, l'obbligo si estende anche alle auto di nuova immatricolazione.

Per proseguire la lettura di questo interessante articolo di  Pasquale Mancino - Componente del Gruppo di Lavoro per la privacy nella Pubblica Amministrazione - questo è il link


maggiori informazioni su:
www.federprivacy.org



Tutte le news