venerdì, 30 settembre 2022

News

Business & People

I dati: il vero valore da proteggere

05/07/2022

Intervista a Pierluigi Perri - Avvocato, Professore Associato di “Sicurezza informatica, privacy e protezione dei dati sensibili” dell’Università degli Studi di Milano.

Cybersicurezza e privacy sono costantemente sotto i riflettori anche alla luce dei recenti avvenimenti. Pierluigi Perri offre un’analisi approfondita dello scenario di riferimento e dei probabili sviluppi futuri.

Stiamo vivendo un’escalation di sottrazione di dati personali anche rispetto a primarie PA o grandi aziende: cosa è stato fatto e cosa c’è ancora da fare per proteggere le informazioni?

Viviamo in mondo sempre più digitale, spinto ancora di più dalla pandemia, che ha connotato un ambiente nuovo dove si sono riversate tutte le attività, aumentando la superficie di attacco. Non è possibile interrompere la tendenza di crescita degli attacchi perché essa è strettamente legata al progressivo trasferimento di tutte le attività, comprese quelle economiche, nel cyberspazio. Le politiche UE sono tutte improntate sul dato e sulla realizzazione del digital single market, teso a creare un mercato unico digitale analogo al mercato unico dei beni e servizi fisici. In questo contesto, la sicurezza è la precondizione affinché un ambiente digitale sia affidabile, favorendo un sentimento di fiducia. Proprio la fiducia è la condizione per la quale le persone possono svolgere i loro affari all’interno di un ambiente virtuale. Le proiezioni fornite dall’UE illustrano quanto beneficio possiamo ricavare in termini di PIL da un mercato basato sui dati, pertanto l’unica cosa che possiamo fare è affrontare il mondo digitale attuale con consapevolezza dei rischi e dei benefici, considerando che la consapevolezza è il primo requisito di un qualsiasi piano di sicurezza.

Per proseguire la lettura, questo il link

 



Tutte le news