venerdì, 30 settembre 2022

News

Business & People

TVCC nelle scuole: che fare? Procedure concertative

29/04/2022

Una volta tracciate le principali norme di riferimento da osservare nella fase di progettazione di un sistema di videosorveglianza (Secsolution Magazine, Dicembre 2021 pag. 90), ci si domanda cosa deve concretamente fare un Dirigente Scolastico che, nella qualità di Titolare del Trattamento, è tenuto a rispettare tutti gli adempimenti che si impongono nella prassi corrente per l’installazione e l’utilizzazione di detto impianto.

Come è stato in precedenza osservato, i sistemi audiovisivi, per la loro peculiare pervasività, possono impattare sulla privacy di ciascuno, sicché il Titolare del Trattamento deve dimostrare di avere adottato tutte le misure tecniche e organizzative più adeguate, sotto il profilo della protezione dei dati personali, nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679 (principio di accountability) e a tutela della dignità e della riservatezza dei propri dipendenti. In questi termini, invero, è proprio l’art. 5, par. 2, del Regolamento - che richiama, a sua volta, il Considerando 74 -, ad illuminare il raggio d’azione del Dirigente Scolastico, al quale spetta comprovare la conformità delle attività di trattamento con il Regolamento stesso e l’efficacia delle misure idonee adottate, tenendo conto della natura, dell’ambito di applicazione, del contesto e delle finalità del trattamento, nonché del rischio per i diritti e le libertà delle persone fisiche.

Maria Celeste Scrufari - Avvocato – Dottoressa di Ricerca (Univ. “Mediterranea” RC) – Responsabile Protezione Dati - approfondisce il tema nel testo che segue.

Il link per proseguire la lettura

 

(Fonte immagine. www.valsesia.it)

 



Tutte le news