giovedì, 26 novembre 2020

W la Privacy

W la Privacy

Azienda chiude i battenti a causa del ransomware e licenzia 300 dipendenti

14/01/2020

MILANO - Trecento lavoratori prima di Natale hanno ricevuto una lettera dalla direzione con la quale comunicava che, dopo 61 anni di onorata attività, l'azienda era costretta a chiudere i battenti a causa dei danni subìti a seguito di un attacco ransomware.

Tutto aveva avuto inizio lo scorso ottobre, quando "The Heritage Company", una società di telemarketing con sede nell'Arkansas (Usa), era stata colpita da un virus che aveva bloccato i server aziendali e preso in ostaggio tutti i dati, paralizzando così tutte le attività e lasciando di fatto i dipendenti con le mani in mano.

Pur di tornare al più presto alla normalità, la società aveva accettato suo malgrado di pagare il cospicuo riscatto che gli era stato richiesto dagli hacker per riottenere la disponibilità dei dati. Nonostante questo, le operazioni di restore, inizialmente stimate in una settimana, si erano inaspettatamente complicate e neppure tutti gli sforzi fatti durante il periodo delle festività natalizie avevano fatto ottenere i risultati sperati. Quella che era sembrata essere la via d'uscita, si trasformava invece in un incubo che si trascinava per i successivi due mesi con perdite per l'azienda di centinaia di migliaia di dollari, fino alla drastica decisione di lasciare i dipendenti a casa.

Neppure con il nuovo anno pare si sia aperto qualche spiraglio di porre rimedio alle conseguenze del devastante "data breach", dato che alla hotline che era stata attivata da "The Heritage Company" per aggiornare gli ormai ex dipendenti, risponde un messaggio preregistrato di un dirigente che informa:

"Abbiamo lavorato diligentemente nelle ultime due settimane per riorganizzarci nel tentativo di riprenderci dall'incidente informatico, e anche se abbiamo fatto progressi, c'è ancora molto lavoro da fare. Con questo in mente, non vogliamo impedirti di cercare un altro lavoro. Per favore, abbi cura di te e dei tuoi cari, e buon anno."

In diversi si sono ormai rassegnati e decine di dipendenti hanno già presentato domanda di disoccupazione presso le istituzioni locali; molti di loro hanno stanno perdendo la speranza che la società possa realmente riprendere le proprie attività.

    


maggiori informazioni su:
www.fedeprivacy.org



Tutte le news