venerdì, 19 aprile 2024

W la Privacy

W la Privacy

Digital Services Act, tutte le aziende che operano online devono rispettare le nuove regole

21/02/2024

Il Digital Services Act (Dsa), il Regolamento europeo sui servizi digitali, è diventato legge dallo scorso 18 febbraio. Fornitori di cloud e di hosting, motori di ricerca, e-commerce e servizi online e, in generale tutti gli intermediari in rete, devono adeguarsi alle norme che impongono trasparenza su algoritmi e pubblicità, lotta alla violenza online e alla disinformazione, protezione dei minori, stop alla profilazione degli utenti utilizzando dati sensibili.

Le nuove regole erano già vincolanti per i “gatekeepers”, ovvero i giganti della tecnologia che già dal 25 agosto 2023 avevano dovuto impegnarsi per affrontarle. Catalogate come grandi piattaforme e grandi motori di ricerca, infatti dallo scorso anno Google con 4 servizi (search, shopping, maps, play), Youtube, Meta con Instagram e Facebook, Bing, X (già Twitter), Snapchat, Pinterest, LinkedIn, Amazon, Booking, Wikipedia e l'App Store di Apple, TikTok, Alibaba Express, Zalando hanno dovuto adeguarsi al DSA, e poco prima di Natale la Commissione UE aveva aggiunto tre siti porno (Pornhub, XVideos e Stripchat).

"I compiti a casa" e le sanzioni

Ora tocca a tutti gli operatori online fare i "compiti a casa". Il rischio è rappresentato da multe fino al 6% del fatturato annuale e fino al 5% dei ricavi medi quotidiani per ogni giorno di ritardo nell'applicazione delle contromisure richieste. La normativa sui servizi digitali disciplina intermediari e piattaforme online come marketplace, social network, piattaforme per la condivisione di contenuti, app store e piattaforme online per viaggi e alloggi.

Obiettivo principale del DSA è prevenire le attività illegali e dannose online e la diffusione di notizie false, garantire la sicurezza degli utenti e proteggere i diritti fondamentali stabilendo norme chiare e proporzionate per le attività online. La legge promuove l’innovazione, la crescita e la competitività e facilita l’espansione delle piattaforme più piccole, delle pmi e delle start-up.

Nei prossimi mesi, la Commissione dovrà adottare una serie di atti delegati per contribuire all’attuazione e aumentare la certezza del diritto per guidare i piani di conformità. Le imprese dovranno intanto lavorare a un piano di conformità.

 


maggiori informazioni su:
www.federprivacy.org



Tutte le news