giovedì, 29 febbraio 2024

Cyber Security

Cyber Security

Crescita vertiginosa dei cyberattacchi verso dispositivi IoT

04/05/2023

Check Point Research (CPR), la divisione Threat Intelligence di Check Point Software, ha reso noti alcuni dati che evidenziano la notevole cfrescita dei cyberattacchi nei confronti dei dispositivi IoT a livello globale. Rispetto alla media di tutto il 2022, nei primi due mesi del 2023 è stato infatti registrato un incremento del 41% di attacchi settimanali proprio a dispositivi IoT.

I criminali informatici sono a conoscenza del fatto che questo genere di dispositivi rappresenta una delle parti più vulnerabili delle reti e che la maggior parte di essi non risulta adeguatamente protetta. Videocamere e stampanti, per fare un esempio concreto, potrebbero consentire l’accesso diretto e una violazione della privacy, agendo da primo “punto d'appoggio” per gli attaccanti, che possono così diffondere attacchi all'interno della rete violata.

Ogni settimana, il 54% delle organizzazioni subisce tentativi di cyberattacco che puntano proprio a dispositivi IoT. Maggiormente presi di mira sono i dispositivi che appartengono a organizzazioni europee, seguiti da quelli delle organizzazioni della zona APAC e dell'America Latina.

Gli attacchi più rilevanti 

Risultano essere centinaia gli exploit delle vulnerabilità IoT. 

Le 5 più diffuse dall'inizio del 2023:

• MVPower DVR Remote Code Execution: colpisce in media il 49% delle organizzazioni ogni settimana.

• Dasan GPON Router Authentication Bypass (CVE-2018-10561): colpisce settimanalmente il 38% delle organizzazioni.

• NETGEAR DGN Command Injection: colpisce settimanalmente il 33% delle organizzazioni.

• D-Link Multiple Products Remote Code Execution (CVE-2015-2051): colpisce settimanalmente il 23% delle organizzazioni.

• D-Link DSL-2750B Remote Command Execution: colpisce in media il 14% delle organizzazioni ogni settimana.


maggiori informazioni su:
www.CheckpointSystems.com



Tutte le news