mercoled√¨, 14 novembre 2018

News

Normative

Trattamento dati per ragioni di giustizia e polizia

03/10/2018

MILANO - L’8 giugno scorso è entrato in vigore il Decreto Legislativo 18 maggio 2018 n. 51, che ha dato attuazione alla direttiva (UE) 2016/680 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativa alla protezione delle persone fisiche, con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti in materia penale (G.U. n. 119 del 24 maggio 2018). Un’importantissima novità di particolare rilievo per il nostro comparto.

In particolare, il testo normativo adegua la normativa nazionale alla direttiva (UE) 2016/680 relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento, da parte delle autorità competenti, a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

Come precisato dal secondo comma dell’articolo 1, il decreto si applica al trattamento interamente o parzialmente automatizzato di dati personali delle persone fisiche e al trattamento non automatizzato di dati personali delle persone fisiche contenuti in un archivio o ad esso destinati, svolti dalle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati, o esecuzione di sanzioni penali, incluse la salvaguardia contro - e la prevenzione di - minacce alla sicurezza pubblica.

 

Marco Soffientini , docente Università degli Studi di Roma UnitelmaSapienza; esperto di Privacy e Diritto delle Nuove Tecnologie, docente di Ethos Academy, approfondisce il tema nell'articolo che può essere letto al link che segue:

https://www.secsolution.com/articolo.asp?id=634



pagina precedente