venerdì, 30 settembre 2022

W la Privacy

W la Privacy

Garante privacy, call to action per il futuro

23/09/2022

Guardare al futuro. E' con questo intendimento il Garante per la privacy, insieme agli stakeholders, pubblici e privati sta, proprio in questa giornata di venerdì 23 settembre, ragionando su idee e progetti per promuovere e rafforzare il diritto alla protezione dati, essenziale nel mondo digitale in cui siamo e saremo sempre più immersi.

Il Garante ha infatti chiamato a “State of privacy ’22” - presso il Museo Ferroviario nazionale di Pietrarsa (Napoli) - oltre 250 rappresentanti di Istituzioni nazionali e internazionali e Amministrazioni (come il Ministero della Salute, il Mise, il Dipartimento per l’editoria, la Polizia Postale e la Guardia di Finanza, l’Autorità per l’Energia o la Banca d’Italia, il Consiglio d’Europa, la Commissione europea, la Corte Europea dei diritti dell’uomo, l’Agenzia europea per i diritti umani), alcune tra le società più coinvolte nella gestione delle infrastrutture digitali italiane (come Leonardo, Gruppo FS, Terna, ITA, Sogei), alcuni dei soggetti leader del mercato finanziario (come Unicredit, Intesa San Paolo, Gruppo Sella, Credit Agricole, BNP Paribas, ABI e ABILab).

Dialogo e confronto per trovare idee e soluzioni 

L’evento, articolato in diversi interventi e tavole rotonde, celebra il 25esimo anno della nascita dell’Autorità e intende essere un’occasione di confronto, di dialogo e di stimolo reciproco: a Pietrarsa, sono presenti anche i rappresentanti delle Big Tech (tra cui Meta, Google, Microsoft, Oracle, Amazon, Apple, Tik Tok), dei consumatori (come Unione Nazionale Consumatori, Euroconsumers) e del mondo dei media (tra cui RAI, Sky, Mondadori, Mediaset, Fieg, l’Ordine nazionale dei giornalisti) e dei servizi di comunicazione (come Tim, Fastweb, Wind Tre, Vodafone) oltre a esperti e rappresentanti del mondo dell’università e della ricerca scientifica (come l’Istituto italiano di tecnologia e lo Human technopole).

L'obiettivo di questo confronto è individuare idee e soluzioni in risposta alle importanti sfide che attendono la protezione dei dati personali e più in generale la società dei dati in cui ci troviamo a vivere.

Ai lavori, condotti da Riccardo Luna, Direttore di Italian Tech interverranno tra gli altri - oltre a tutto il Collegio dell’Autorità - il Garante europeo della protezione dati Wojciech Wiewiorowski, il sociologo Antonio Casilli, autore di Schiavi del click, il professore di informatica della Georgetown University Kobbi Nissim, il teologo Paolo Benanti, il ricercatore dell’IIT Luca Berdondini, l’attivista Max Schrems, il relatore della proposta di Regolamento europeo sull’Intelligenza artificiale Brando Benifei, la giornalista Donata Columbro e il divulgatore scientifico Marco Camisani Calzolari.

 


maggiori informazioni su:
www.garanteprivacy.it



Tutte le news