domenica, 5 luglio 2020

News

Business & People

A.I.PRO.S.: "In difesa del riconoscimento del volto"

23/01/2020

MILANO - In relazione al ventilato “Face recognition ban” della Commissione Europea, è stata creata una Pubblicazione sulla sicurezza intitolata: "In difesa del riconoscimento del volto", di cui è autore il Responsabile del Dipartimento Privacy di A.I.PRO.S., Aldo Agostini.

Le notizie diffuse da organi di stampa internazionali, riprese in seguito da quelli italiani, riferiscono che l’Unione Europea starebbe considerando di vietare l’impiego delle tecnologie di riconoscimento facciale negli spazi pubblici, per 3 o 5 anni, fintanto che non si saranno trovate nuove regole per tenere sotto controllo rischi e privacy.

Lo riportano i siti di Reuters e Politico.com. Il piano dell'Europa giunge in un momento di acceso dibattito, in particolare negli Usa, sull'uso dell'Intelligenza artificiale per finalità di sicurezza. Il piano, atteso per il prossimo mese, prevede che nei Paesi Ue vi siano anche speciali autorità a monitorare le regole. 

Il divieto? Una "scelta irrazionale"

L’ipotesi è contenuta in una la bozza di un white paper della Commissione Europea, in materia di Intelligenza Artificiale. La Commissione riterrebbe che, durante questo periodo, potrebbe essere sviluppata una solida metodologia per valutare l’impatto e le possibili misure di gestione dei rischi di questa tecnologia. Il documento deve essere sottoposto a un vaglio prima della decisione finale e il commissario europeo per l'Antitrust Margareth Vestager dovrebbe presentare la proposta nel mese di febbraio.

Questa scelta sembra del tutto irrazionale“ - sostiene Agostini, che ha predisposto, d'urgenza, la pubblicazione citata. L’autore, inizialmente, ricostruisce le vicende avvenute del 2019, ricche di riferimenti a notizie legate alla tecnologia del riconoscimento del volto. 

Spiega quindi con chiarezza come un bando dell’Unione sarebbe tecnicamente un errore, oltre che privo di senso, e infine conclude: “Se l’Europa vuole fare come gli struzzi faccia pure, ma rinunciando a cavalcare la tigre va incontro a una storica sconfitta“.

    


maggiori informazioni su:
www.aipros.it



Tutte le news