sabato, 21 settembre 2019

News

Normative

Il condominio risponde delle carenze del sistema di videosorveglianza se hanno agevolato un furto nel locale commerciale

16/11/2018

MILANO - Il condominio risponde delle carenze del sistema di sorveglianza se hanno facilitato il furto nel locale commerciale. Lo ha deciso il Tribunale di Latina, II sezione civile, nella sentenza del 20 settembre 2018.

Nel caso in cui il sistema di vigilanza risulti inadeguato o mal funzionate, il condominio deve infatti rispondere dei danni conseguenti al furto subito da un condomino, qualora lo stesso sia anche custode dell’impianto, tenuto alla sua conservazione, tanto da sopportarne le spese di manutenzione.

Questo a prescindere dal fatto che l’impianto sia stato concesso in comodato al condominio da una società incaricata del controllo del sistema di allarme, specie quando le carenze strutturali e il malfunzionamento del predetto impianto siano state dalla stessa già segnalate al condominio, soggetto obbligato in virtù del regolamento condominiale a regolare il servizio di sicurezza e sorveglianza del centro.

Ad avviare il contenzioso contro proprietaria, condominio e società incaricata è stata l’affittuaria di un negozio all’interno di un centro commerciale in uno stabile in condominio, per ottenere il risarcimento dei danni conseguenti ad un furto nottetempo subito nel negozio. La società di vigilanza contestava la domanda, in considerazione del fatto che sia la proprietaria del locale che il condominio erano al corrente dell’inadeguatezza dell’impianto di allarme.

Il Tribunale di Latina accoglieva la domanda, condannando il solo condominio al risarcimento del danno.

Nel corso del giudizio sarebbe emerso che, in virtù del regolamento condominiale, il condominio avrebbe dovuto regolare "il servizio di sicurezza e sorveglianza del centro avvalendosi anche di ditte esterne specializzate", con relativi oneri a carico dei condòmini. Ciò posto, riferisce il Tribunale, appare innegabile che la clausola regolamentare, pur nella sua genericità, affida al condominio il servizio di sicurezza e sorveglianza del centro, addossando ai condòmini anche le spese per la manutenzione. Infatti, il condominio aveva stipulato un "contratto di abbonamento per collegamento, controllo e pronto intervento operativo".

Dall’istruttoria era altresì emerso che, anche in passato, vi erano stati dei tentativi di furto e tali circostanze erano state portate a conoscenza - a cura della proprietaria - del condominio e della società di vigilanza, la quale si dichiarava disposta ad implementare i sistemi di allarme, ma non prima del saldo delle morosità.

Il condominio non si è però mai adoperato né per "rivedere le condizioni contrattuali" con la società di vigilanza, ma neppure a conformare l’impianto in relazione alle dimensioni del centro commerciale e, in particolare, a dotare di infrarossi la cupola dello stesso, dalla quale peraltro sembra si siano introdotti i malviventi.

Pertanto, esclusa qualsivoglia responsabilità della proprietaria dei locali, risulta come unico responsabile proprio il condominio.

 



 


maggiori informazioni su:
www.federprivacy.org



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2019

Videsorveglianza Urbana integrata

Ethos Academy - Hikvision

  • Induno Olona (VA)
    martedì 24 settembre
  • Selvazzano Dentro (PD)
    martedì 1 ottobre

Workshop di approfondimento

Bettini, Videosorveglianza Urbana

  • San Leo (RN)
    mercoledì 23 ottobre

Videosorveglianza e Privacy

Spark

  • Padova
    mercoledì 25 settembre
  • Torino
    Giovedì 10 ottobre
  • Roma
    Giovedì 17 ottobre

Pillole formative

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Rimani aggiornato sulle nuove normative