martedì, 22 gennaio 2019

W la Privacy

W la Privacy

Coin Center: "La blockchain non è compatibile con il Gdpr"

27/08/2018

ROMA - La blockchain non permetterebbe la piena cancellazione delle informazioni personali. Per questa ragione non è compatibile con il nuovo regolamento europeo sulla privacy, in vigore dallo scorso 25 maggio. A sostenerlo è Coin Center, uno dei maggiori think tank al mondo su questo tipo di tecnologie.

Secondo le regole del GDPR (General Data Protection Regulation), gli utenti possono richiedere la completa rimozione dei propri dati personali e le aziende sono obbligate a farlo. Nel caso della tecnologia blockchain, però, "l’eliminazione delle informazioni è molto complicata".

"Per modificarle sarebbe necessario operare su tutta la catena, proprio perché i vari blocchi sono interconnessi tra loro", ha spiegato l’esperto dell’università di Oxford, Michael Finck. "Penso sia corretto dire che gli attuali sistemi di blockchain sono incompatibili con il regolamento europeo".

La soluzione potrebbe essere che entrambi gli attori in campo (sistema normativo e tecnologia), cambino per venirsi incontro. Secondo quanto sostiene lo stesso Coin Center, gli sviluppatori delle nuove tecnologie blockchain potrebbero rendere anonimi i dati personali, così i legislatori riuscirebbero a modificare il regolamento per esentare le blockchain dall’eliminazione dei dati personali.

Se tutto questo non avvenisse potrebbe essere un problema per gli sviluppatori europei. "Il nuovo regolamento metterebbe a repentaglio la creazione di queste tecnologie, isolando il continente da quello che può essere considerato il futuro di internet" - conclude Coin Center.

Articolo a cura di Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy


maggiori informazioni su:
www.federprivacy.org



pagina precedente