mercoledì, 17 ottobre 2018

News

Business & People

Infrastrutture critiche, è in Liguria l’hub nazionale per la cybersecurity nell’energia

02/07/2018

MILANO - Il comparto delle infrastrutture elettriche e più in generale dell’energia è stato interessato negli ultimi anni da un massiccio processo di trasformazione digitale, nella direzione dell’intelligenza distribuita e controllata da remoto grazie alle tecnologie informatiche. Un percorso però che per avere successo ha bisogno di essere accompagnato, come è cruciale nel campo delle infrastrutture critiche, dalle più forti garanzie di sicurezza. Proprio in questa direzione va l’accordo di collaborazione siglato di recente a Genova da Ansaldo energia, società specializzata nella power generation, e Leonardo, in prima linea in Aerospazio, difesa e sicurezza.

Se da una parte Ansaldo energia sta investendo nella digital transformation per applicare sui propri prodotti e processi le tecnologie della cosiddetta Industria 4.0, dall’altra Leonardo collaborerà per garantire la resilienza degli impianti produttivi e dei clienti da attacchi informatici, mettendo a disposizione le soluzioni più adatte per garantire la cyber resilienza e la sicurezza fisica e logistica degli impianti, a partire dalla Lighthouse plant di Genova, operando cm system integrator di tecnologie proprie e di altri partner.

L’accordo consentirà inoltre ad Ansaldo Energia e Leonardo di collaborare su progetti innovativi, tra questi la realizzazione di un “Centro di Competenza Start 4.0 per la Sicurezza ed Ottimizzazione delle Infrastrutture Strategiche” in Liguria rivolto ai gestori di infrastrutture critiche nel settore dell’energia. Un progetto, quest’ultimo, che rientra tra gli otto ‘Centri di Competenza‘ selezionati dal Mise per ottenere finanziamenti nell’ambito di Industria 4.0 e che coinvolge la Regione Liguria con la sua in-house Liguria Digitale, enti di ricerca e formazione attivi in Liguria quali Cnr, Unige, Iit, Rina e Iren”.

L’obiettivo del centro, spiegano i promotori, sarà quello di sviluppare nuove conoscenze, identificare soluzioni tecniche/tecnologiche adeguate, sviluppare sperimentazione e validare metodiche, avviare una struttura di formazione permanente sui processi di sicurezza delle Infrastrutture Strategiche 4.0.

“E’ importante avere a disposizione impianti, come la Lighthouse, e avere a che fare con partner che abbiano conoscenze e competenze legate al mondo specifico delle infrastrutture energetiche – ha spiegato Giorgio Mosca, direttore strategie e tecnologie, divisione sicurezza Leonardo – Assieme possiamo costruire soluzioni ottimali per l’Italia e, speriamo, anche per un mercato molto più ampio”.

 

(Fonte: Corcom Daily News)

 



pagina precedente