domenica, 19 agosto 2018

News

Business & People

Genova in prima fila contro l'abbandono dei rifiuti, potenziata la videosorveglianza

30/05/2018

MILANO - Un valido esempio di come gli impianti di videosorveglianza rappresentino un ottimo ausilio contro la piaga dell'abbandono dei rifiuti, viene da Genova. L’ultima strategia, in fase di sperimentazione, messa a punto dal capoluogo ligure proprio per contrastare il fenomeno delle discariche abusive, è quella di prevedere dispositivi miniaturizzati dove più frequentemente vengono abbandonati i rifiuti ingombranti.

Gli assessori all’Ambiente e alla Sicurezza della città hanno infatti impresso un colpo di acceleratore alla lotta contro questo malcostume, dando vita a una stretta collaborazione tra Polizia Locale, Amiu e Direzione Sistemi Informativi, impegnati sul territorio e dietro un monitor a visionare i filmati acquisiti dalle telecamere già in esercizio del sistema “città sicura”.

Le indagini della Polizia locale hanno avuto come esito 12 accertamenti nel 2018, 21 da luglio scorso ad oggi, mentre Amiu ha contestato attraverso i filmati 3 violazioni amministrative e 2 reati penali, che vanno a sommarsi alle 29 sanzioni e 3 denunce penali, rilevate direttamente sul territorio.

Per dare una maggiore incisività all’azione, Amiu formerà 14 nuovi responsabili territoriali, che andranno ad aggiungersi ai 26 già in servizio e agli 8 ispettori ambientali abilitati alla visualizzazione delle immagini di videosorveglianza.

Investimenti in videosorveglianza per una maggiore sicurezza

Questi risultati incoraggianti hanno persuaso l’amministrazione ad accrescere gli investimenti, installando 35 delle 312 telecamere su aree interessate dalla presenza di cassonetti, oltre a progettare nuove installazioni che, per tutto il sistema “città sicura”, raggiungeranno le 400 unità alla fine del 2018, con un incremento del 55% rispetto al numero di impianti ereditato a inizio mandato.

Allo stato attuale, i tecnici hanno individuato 260 postazioni di raccolta, oggetto di abituali abbandoni oltre a 58 siti che, per la loro posizione defilata, sono spesso utilizzati quali discariche abusive.

 



pagina precedente