giovedì, 15 novembre 2018

News

Business & People

Un’analisi della normativa vigente in materia di sicurezza dei lavoratori isolati

17/04/2018

MILANO - Anche se la normativa italiana vigente non tratta il tema del lavoratore isolato in maniera esaustiva, alcuni obblighi importanti richiedono grande attenzione. Il concetto di isolamento deve essere inteso sia in termini di posizione rispetto al contesto in cui si trova a dover operare, sia in termini di organizzazione della propria attività lavorativa. In altri casi il compito che il lavoratore compie può trasformarsi in solitario per effetto di cause esterne quali, per esempio, il protrarsi oltre il normale orario di lavoro, come il turno notturno, o perché svolto in un luogo remoto o di difficile accesso.

Il tema della sicurezza è quindi ancora più importante. Il più noto D.Lgs.81/08, riferimento per tutti gli operatori di sicurezza sul lavoro, tratta nell'Articolo 15 della tutela salute e sicurezza dei lavoratori in generale e nell'articolo 17 della valutazione dei rischi in base al tipo di attività. Il Decreto, inoltre, esamina le responsabilità del datore di lavoro per la gestione delle emergenze (sono indicate nell'articolo 43, secondo le disposizioni generali il datore di lavoro). Il datore di lavoro deve preoccuparsi di istituire un modello organizzativo aziendale, protocolli e procedure di sicurezza, per essere in grado di interfacciarsi con le strutture di pronto intervento in caso di emergenza.

Nell'articolo 2 sull'organizzazione del pronto soccorso, ai comma 1.b e 2.b, si specifica che nelle aziende o unità produttive di qualsiasi dimensione il datore di lavoro deve dotare i lavoratori di una cassetta di pronto soccorso o un pacchetto di medicazione e di un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Al comma 5 si trova il riferimento esplicito ai lavoratori isolati.

Comma 5. Nelle aziende o unità produttive che hanno lavoratori che prestano la propria attività in luoghi isolati, diversi dalla sede aziendale o unità produttiva, il datore di lavoro è tenuto a fornire loro il pacchetto di medicazione di cui all’allegato 2, che fa parte del presente decreto, ed un mezzo di comunicazione idoneo per raccordarsi con l’azienda al fine di attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale.

L'esigenza di un mezzo di comunicazione idoneo

Se si leggono con attenzione le normative vigenti, si trova un vero e proprio obbligo per i datori di lavoro nei confronti dei lavoratori che si trovano in luoghi isolati. Si cita esplicitamente "un mezzo di comunicazione idoneo" per contattare un referente in azienda per poi attivare la macchina dei soccorsi. Anche se il decreto non entra nel dettaglio di cosa o come debba essere questo mezzo di comunicazione, dà comunque un segnale importante.

Occorre quindi chiedersi se si è sicuri che, come mezzo di comunicazione, sia sufficiente un comune smartphone con cui fare una telefonata al proprio referente in azienda. Occorre domandarsi cosa accadrebbe se il lavoratore non fosse cosciente o non in grado di raggiungere il telefono. Riuslta quindi fondamentale stabilire un modello organizzativo aziendale che faccia fronte alle situazioni di rischio e di eventuale emergenza, che possono scaturire dal lavoro in isolamento.

A questo proposito, Pontiradio - società specializzata nella fornitura di servizi per la progettazione, realizzazione e gestione di reti per le radiocomunicazioni mobili professionali per primari clienti italiani, attiva da oltre 50 anni in tutta Italia - ha sviluppato e adottato internamente un sistema di comunicazione e telesorveglianza che mette in contatto l’addetto che lavora in solitudine con la centrale operativa aziendale (tutto viene gestito da Operatori specializzati) tramite smartphone dotati di tecnologia Push-to-Talk. Il sistema consente di effettuare una chiamata d’emergenza, di inviare in centrale un allarme automatico nel caso in cui il lavoratore sia incosciente o impossibilitato a raggiungere il telefono.

 


maggiori informazioni su:
www.pontiradiopr.it



pagina precedente