venerdì, 19 aprile 2024

Cyber Security

Cyber Security

Cybersecurity, da Fasteweb i trend del cybercrime

18/03/2024

Anche quest'anno Fastweb ha contribuito a delinare una fotografia della situazione del cybercrime in Italia, fornendo l'analisi dei fenomeni più rilevanti elaborata dal proprio Security Operations Center (SOC, attivo 24 ore su 24) e dai propri centri di competenza di sicurezza informatica. Al report ha collaborato, per la prima volta, anche 7Layers, società acquisita da Fastweb, specializzata in soluzioni avanzate di cybersecurity.

Nell'analisi - che è stata inserita all’interno del Rapporto Clusit 2024 - si evidenziano il consolidamento di alcune tendenze già osservate e la nascita di nuovi trend che hanno origine dalla progressiva integrazione dell’Intelligenza Artificiale all’interno delle tecniche e degli strumenti di attacco così come di difesa. 

Alcuni dati di interesse

Dall’analisi sull'infrastruttura di rete di Fastweb, costituita da oltre 6,5 milioni di indirizzi IP pubblici su ognuno dei quali possono comunicare centinaia di dispositivi e server attivi, si sono registrati oltre 56 milioni di eventi di sicurezza. Il dato è in linea, per la prima volta da anni, con quello del 2022. 

Nel 2023 la totalità degli eventi di sicurezza rilevati è rimasta stabile, sul fronte degli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) si registrano invece 2.300 eventi significativi (+28% rispetto al 2022) e circa 13.000 anomalie riconducibili a possibili attacchi alla rete di Fastweb con un deciso aumento pari al 32% e in controtendenza con la contrazione del biennio precedente degli attacchi ad alto impatto (oltre 100 Gbps di banda utilizzata) a dimostrazione di come il progressivo aumento delle capacità di difesa delle organizzazioni spinge i criminali informatici a sviluppare attacchi sempre più gravi e impattanti, mentre diminuiscono le anomalie a basso impatto (-40%). I settori più colpiti rimangono ancora il settore Finance/Insurance e la Pubblica Amministrazione, che insieme costituiscono oltre il 55% dei casi. L’aumento più significativo è quello del settore del Gambling, cresciuto dal 2% del 2022 a quasi il 12% del 2023.

L’incidenza dell'Intelligenza Artificiale e la sua crescente pervasività sia come strumento di attacco che difesa rappresenta una nuova frontiera della cybersecurity che sta già dispiegando i suoi effetti.

Il ruolo dell'AI

L’AI ha contribuito a migliorare la capacità di identificare e raccogliere informazioni sugli attori degli attacchi cyber incrementando significativamente anche l’efficacia degli strumenti di riconoscimento di pattern malevoli contenuti nelle mail, con una riduzione fino al 70% degli eventi “falsi positivi” rilevati, parallelamente però si assiste ad un aumento    degli attacchi che sfruttano l’AI per aumentare l’efficacia degli attacchi. Gli eventi malevoli legati al “credential phishing”, ad esempio - che hanno l'obiettivo di convincere le vittime a rivelare informazioni sensibili tramite contenuti e comunicazioni verosimili - fanno registrare infatti un aumento dell’87%. Gli attacchi di social engineering che sfruttano l’AI e il fattore umano per generare, ad esempio, messaggi audio falsi per convincere le persone a fornire informazioni personali o a eseguire alcune azioni, come comunicare i propri dati personali, sono in crescita del 13% rispetto al 2022. 

Dinanzi a questi fenomeni, è da osservare come anche nel 2023 si registri un costante aumento della consapevolezza rispetto ai rischi informatici da parte di aziende e PA nel contrasto alle strategie di attacco dei criminali informatici testimoniato da un’ ulteriore riduzione, pari all’8%, del numero dei server che espongono su internet servizi critici (38.000 nel 2023) oltre che dall’utilizzo di strumenti di ricerca e monitoraggio che hanno contribuito a migliorare l’identificazione delle minacce.

Rispetto al 2022 prosegue nel 2023 la flessione (-3%) nel volume di malware e botnet e del numero delle famiglie di software malevoli (-29%) così come della quantità di famiglie di malware e botnet sconosciute (-70% rispetto al 2022), anche grazie alla maggiore efficacia degli strumenti zeroday di difesa presenti sul mercato. 

Le tecniche di attacco più utlizzate

L'apporto dato da 7Layers, ha permesso al report di includere anche il monitoraggio relativo alle minacce informatiche rilevate e contrastate tramite il servizio di Managed Detection and Response (MDR) che ha permesso di identificare i macro trend delle tecniche di attacco più comunemente utilizzate dai criminali informatici.

Sul gradino più alto di pongono, con il 19% del totale, gli attacchi “Multiple” caratterizzati da scenari complessi e tattiche di attacco diversificate, seguiti dagli attacchi “Exfiltration” con il 15% che puntano alla sottrazione di dati sensibili, mentre gli attacchi di tipo “Initial Access” realizzati per individuare potenziali vulnerabilità rappresentano il 13% degli attacchi. Eventi ad alto impatto e che possono causare danni significativi come ransomware o cryptominer contribuiscono invece al 9%.


maggiori informazioni su:
https://www.fastweb.it/



Tutte le news