mercoledì, 24 aprile 2024

News

Eventi

DIGITALmeet, la sicurezza urbana al centro dell’intervento di Alessandro Bove (tappa di Bologna)

28/09/2023

 

Diffondere una cultura del digitale alla portata di tutti, che aiuti a comprendere come il digitale possa rappresentare un importante vantaggio competitivo in grado di semplificare la vita e migliorare l’economia grazie all’innovazione tecnologica, alla sostenibilità ambientale, ponendo la persona sempre al centro.

E’ in sintesi questo l’obiettivo di DIGITALmeet, il progetto promosso da Fondazione Comunica e ICenter TAG Padova che, giunto alla 11a edizione, si articola in eventi e approfondimenti legati al mondo del digitale, dell’ICT e del web.

Una delle quattro giornate - l’evento è in programma dal 23 al 28 ottobre 2023 e toccherà diverse città italiane - avrà sede a Bologna, grazie a Ethos Media Group, che porterà la sua esperienza e la grande conoscenza su temi centrali in questo ambito.

“Sicurezza integrata e urbana: un bene pubblico da custodire tra digitalizzazione, impatto privacy, intelligenza artificiale, videosorveglianza e cybersecurity”, questo è il titolo della tappa del prossimo 25 ottobre,  di cui Media Partner saranno secsolution Magazine e secsolution.com.

Dopo i saluti delle Autorità (Assessore Sicurezza, Presidente Ordine, Comandante di Polizia Locale) e un primo intervento da parte di Gianni Potti, Presidente Fondazione Comunica e founder DIGITALmeet, il convegno entrerà nel vivo con un contributo di Alessandro Bove, Ricercatore di tecnica e pianificazione urbanistica, Università di Padova. Il titolo: “La progettazione integrata come elemento caratterizzante in un progetto di Sicurezza Urbana”.


Una questione “multidimensionale” e complessa

“La sicurezza urbana - osserva Alessandro Bove - è una questione multidimensionale e complessa che include vari fattori, come l'integrazione delle diverse componenti coinvolte, la resilienza degli spazi urbani, la consapevolezza e l'empowerment della comunità. In questo contesto, le città fungono da attori critici nell'affrontare la sicurezza effettiva e percepita, indirizzando misure mirate e implementando soluzioni innovative contro tutte le forme di criminalità e violenza.

Per questo motivo, gli spazi pubblici richiedono di essere ben progettati e inclusivi così da minimizzare le potenziali vulnerabilità legate all'emergere di conflitti, insicurezza o uso negativo di queste aree urbane. Mitigare tali vulnerabilità richiede un approccio che promuova l'integrazione delle minoranze e delle comunità vulnerabili, che renda i luoghi accoglienti per utenti diversi. In aiuto dell'integrazione può venire la tecnologia attraverso la quale è possibile monitorare i luoghi, ma soprattutto rendere gli abitanti parti attive nel processo ad esempio di identificazione delle minacce in diverse aree della città e in diversi periodi di tempo.

Ecco che emerge la necessità di intraprendere un processo di pianificazione di lungo periodo che coinvolga saperi multidisciplinari al fine di migliorare le capacità di valutazione e diagnosi, aumentare l'allineamento tra le strategie locali con le generali per minimizzare i rischi presenti sul territorio ed ottimizzare gli investimenti in sicurezza attraverso proprio una visione olistica del problema”.

 

I crediti formativi

L’evento è  riconosciuto da TÜV Italia e valido per il mantenimento della certificazione secondo lo schema CEI - TÜV Italia, con l'attribuzione di n. 3 crediti formativi.

Ordine dei Periti Industriali di Bologna e Ferrara: 3 CFP . L’evento è su Albo Unico 

Evento riconosciuto valido da AICQ SICEV

 

Appuntamento il 25 ottobre a Bologna - Museo del Patrimonio Industriale (Via della Beverara, 123 - Bologna).

 

Iscriviti subito per garantirti la partecipazione!

 



Tutte le news