domenica, 16 giugno 2024

W la Privacy

W la Privacy

Portafoglio di identità digitale europea, un importante passo in avanti

13/07/2023

Lo scorso 29 giugno la Commissione europea ha accolto con favore l'accordo politico provvisorio del Parlamento europeo e del Consiglio dell'UE sugli elementi principali della proposta relativa a un quadro giuridico per un'identità digitale europea (eIDAS 2). L'elemento innovativo fondamentale di questo quadro è che esso offrirà un portafoglio di identità digitale personale sotto forma di un'applicazione mobile pratica e sicura, il che consentirà a tutti i cittadini, i residenti e le imprese dell'UE di accedere in modo affidabile ai servizi online pubblici e privati in tutta Europa.

Il portafoglio di identità digitale dell'UE rivoluzionerà l'identificazione digitale perché consentirà agli Europei di avere il controllo sui loro dati personali con la praticità delle applicazioni mobili. Gli europei potranno utilizzare i servizi online e fornire credenziali di identità nel pieno controllo dei loro dati personali.

I servizi garantiti

In particolare i portafogli di identità digitale dell'UE sono portafogli digitali personali che consentono ai cittadini di identificarsi digitalmente, di conservare in formato elettronico e gestire dati di identità e documenti ufficiali, come ad esempio la patente di guida, le prescrizioni mediche o i titoli di studio. Molti cittadini utilizzano già portafogli digitali sui loro smartphone per avere a disposizione le carte d'imbarco quando viaggiano o per conservare le carte bancarie virtuali ed effettuare così pagamenti in tutta praticità. Questi portafogli, spesso offerti da piattaforme online, permettono ai propri utenti di accedere a vari servizi online, dagli acquisti alla lettura di notizie, ma non consentono loro di controllare pienamente quali dati condividono quando si autenticano a tali servizi. In base alle nuove norme, i portafogli europei di identità digitale rilasciati dagli Stati membri saranno a disposizione di tutti.

Con questi portafogli i cittadini potranno dimostrare la propria identità quando necessario per accedere a servizi online, condividere documenti digitali o semplicemente dimostrare un attributo personale specifico, come ad esempio l'età, senza rivelare la propria identità o altri dati personali. I cittadini così avranno sempre il pieno controllo dei dati che condividono.

Il principale elemento di novità introdotto dalle nuove norme è che ogni persona avrà il diritto di disporre di un portafoglio europeo di identità digitale che sarà accettato in tutti gli Stati membri. Allo stesso tempo, tuttavia, non vi sarà alcun obbligo. Gli utenti potranno controllare quali dati personali intendono condividere con i servizi online. Mentre i servizi pubblici e alcuni servizi privati saranno tenuti a riconoscere i portafogli di identità digitale dell'UE, gli elementi di sicurezza che questi strumenti propongono fanno sì che anche per tutti i prestatori privati sia interessante riconoscerli per i servizi che richiedono un'autenticazione forte, con conseguenti nuove opportunità commerciali.

La Commissione sta già investendo 46 milioni di EUR dal programma Europa digitale in quattro progetti pilota su vasta scala per testare il portafoglio di identità digitale dell'UE in una serie di casi d'uso quotidiani, tra cui la patente di guida mobile, la sanità elettronica, i pagamenti, i titoli di istruzione e le qualifiche professionali. I progetti pilota sono stati avviati il 1º aprile 2023 e contribuiranno a migliorare le specifiche tecniche del portafoglio.

Per proseguire la lettura dell'articolo, a firma di Michele Iaselli - Coordinatore del Comitato Scientifico di Federprivacy. Avvocato, docente di logica ed informatica giuridica presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II - questo è il link


maggiori informazioni su:
www.fedeprivacy.org



Tutte le news

Privacy e Videosorveglianza

in Presenza

Motorola Solutions

DPIA, BODY CAM e videosorveglianza urbana.
Tutela dell'operatore e impatto privacy

  • Brescia, 28 giugno 2024

Preparazione alla Certificazione

Ethos Academy

Corsi in programmazione riconosciuti per il mantenimento e la preparazione alla certificazione TÜV Italia

Webinar
La Norma CEI 64-8

Cybersecurity

Webinar

Ethos Academy

La cybersicurezza dei sistemi di videosorveglianza
Corso riconosciuto da TÜV Italia