martedì, 30 novembre 2021

News

Business & People

E-health: sanità digitale, sicurezza digitale (e fisica!)

02/11/2021

Le tecnologie digitali 4.0 hanno portato una rivoluzione copernicana in tutti i settori dell’economia mondiale. Non fa eccezione il settore sanitario, difatti sono diverse le amministrazioni sanitarie, tanto pubbliche quanto private, che promuovono un nuovo modello digitale per erogare prestazioni sanitarie con servizi più efficienti, e questo proprio grazie alla digital and information technology. Parliamo di modelli E-health, un esempio lungimirante di sanità digitalizzata che rappresenta, strategicamente, il cardine della sostenibilità di un moderno sistema sanitario, innovazione essenziale per rispondere fattivamente alla sempre più crescente domanda di cura strettamente correlata all’innalzamento dell’età media di un essere umano. 

Oggi il divario esistente tra risorse allocate e i crescenti bisogni delle persone, intese sia come cittadini fruitori di prestazioni sanitarie che come pazienti ospedalizzati, può essere azzerato solo attraverso innovati modelli organizzativi, implementati dall’utilizzo di performanti tecnologie informatiche. Un rovesciamento radicale tale che darà, tanto agli ospedali pubblici quanto alle cliniche private, una grossa opportunità per fare quel balzo in avanti, atteso da anni e dai significativi vantaggi, che permetterà la riduzione dei costi di gestione delle prestazioni, dei servizi, dei ricoveri,  migliorando, nel contempo, l’efficienza del personale medico.

Nanni Villafiore prosegue questa interessante trattazione nel suo articolo.

Il link per proseguire la lettura

 



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2021

Privacy Channel

Webinar

Ethos Academy

  • Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza
    Corso specilistico in 4 sessioni:
    10, 17, 24 febbraio
    3 marzo 2022

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Coronavirus e comparto sicurezza