venerdì, 29 maggio 2020

News

Business & People

Il buon momento del fotovoltaico (e la "questione sicurezza")

27/02/2020

MILANO -  Secondo l’Osservatorio FER realizzato da ANIE Rinnovabili, associazione di Federazione ANIE, nel primo semestre 2019 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno complessivamente raggiunto circa 554 MW (+66% rispetto al 2018).

Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di potenza sono Basilicata, Marche, Sardegna, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta. Tutte le regioni hanno registrato un incremento in termini di unità di produzione e tra quelle con incremento maggiore si segnalano Basilicata, Calabria, Piemonte e Marche.

A rendere possibili questi risultati oltre ai progressi effettuati da questa tecnologia, che rendono tali sistemi più accessibili, sono innanzitutto le detrazioni fiscali erogate dal Governo. L’obiettivo di questi incentivi è rendere gli interventi di riqualificazione energetica più accessibili sia alle famiglie sia alle imprese. Il fotovoltaico risulta essere, grazie ai prezzi dei moduli e degli impianti di dimensioni piuttosto elevate, la fonte di energia più economica rispetto a qualsiasi altro valido competitor del mercato elettrico nel 2020.

Le agevolazioni 

La Legge di bilancio include una detrazione del 65% per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici (chiamato anche Ecobonus). L’installazione di impianti fotovoltaici è compresa e un altro vantaggio da considerare riguarda l’IVA agevolata.

Possono usufruire del bonus fotovoltaico 2020 i privati persone fisiche che sostengono le spese per l’intervento, siano essi proprietari dell’edificio su cui viene installato l’impianto oppure i conduttori o comodatari.  Occorre ricordare che grazie al Fondo nazionale per l’efficienza energetica, 150 milioni di euro sono messi a disposizione delle imprese e delle PA per offrire garanzie e finanziamenti a tasso agevolato per la realizzazione di interventi di efficienza energetica.

La questione "sicurezza"

Se il problema del furto di pannelli solari fotovoltaici si era inizialmente presentato nei grandi parchi, concentrati in particolare nel centro e sud d'Italia, ora ormai il fenomeno si presenta un po’ ovunque, anche al Nord e anche su piccoli impianti per la produzione di energia elettrica per uso famigliare. Il danno arrecato a chi subisce un furto di pannelli fotovoltaici e di accessori tecnologici, appartenenti agli impianti stessi, è molto grave anche perché compromette il mantenimento in funzione dell’impianto.

Viene pertanto spontaneo chiedersi come proteggere con efficacia queste preziose installazioni, che rappresentano un investimento non solo ecologico, ma anche economico. Le tecnologie di sicurezza coprono già le esigenze più diffuse: protezione perimetrale, fibra ottica, videosorveglianza, telecamere termiche, ma è indubbio che l'esigenza di tutela sia in crescita e dbba essere potenziata.

Si prevede infatti, anche grazie alla pluralità di Bandi (Regionali, Stataili, Europei) per ottenere finanziamenti per realizzare impianti fotovoltaici a fondo perduto o con agevolazione aperti nel 2020, che assisteremo a una crescita di queste installazioni davvero significativa.

I bandi che prevedono, soprattutto al livello regionale, finanziamenti per produrne di nuovi, vengono letteralmente presi d’assalto fin dai primi giorni dall’apertura e questo significa che l'interesse è tanto forte ed "esteso" quanto ampio è l'orizzonte di sviluppo, anche per le imprese chiamate alla protezione e sicurezza di queste strutture, piccole, o di grande respiro, come i campi fotovoltaici.

Ma su questo tema torneremo con ulteriori approfondimenti.

 

      



Tutte le news