mercoledì, 26 febbraio 2020

News

Business & People

Wireless, integrato e mobile: il controllo accessi è sempre più smart

12/02/2020

MILANO - La sicurezza negli edifici è sempre più “smart” e il controllo accessi non fa eccezione. I sistemi per impedire o monitorare gli ingressi sono stati fra i primi a entrare nel comparto dell’automazione e le porte di sicurezza con i relativi access point sono stati, per anni, la struttura portante. Oggi, però, l’approccio dei progettisti della building automation, in particolare sul retrofit, è sempre più olistico: l’integrazione è diventata fondamentale e certo non si possono lasciare i vecchi – proprietari e pure costosi - sistemi di controllo accessi al di fuori della rete di gestione dell’edificio. 

Un recente report a cura di Assa Abloy e Ifsec Global sottolinea come proprio l’integrazione sia un problema sempre più pressante per i professionisti del settore e che la necessità di far dialogare tra loro i diversi sistemi negli ultimi anni è diventata un imperativo categorico. Per il 53 % degli intervistati, è proprio la possibilità di integrazione con TVCC, allarmi, orari e presenze, illuminazione e HVAC che li porta a scegliere un prodotto piuttosto che un altro.

Perché non è più importante solo che scatti un allarme quando entra una persona non autorizzata, ma bisogna anche sapere chi è entrato, in modo da intervenire in tempo reale. 

Annalisa Coviello approfondisce il tema in un interessante articolo, la cui lettura può essere proseguita al seguente link: https://www.secsolution.com/articolo.asp?id=801

  



Tutte le news