domenica, 20 settembre 2020

News

Eventi

Fondazione Enzo Hruby, presentata a Roma la nuova iniziativa editoriale

20/03/2019

MILANO - E' stato presentato lo scorso 6 marzo a Roma “Il tesoro più grande. Come gli italiani pensano, tutelano e valorizzano il patrimonio culturale”, il nuovo libro della Fondazione Enzo Hruby.

Nella cornice della Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, presso il Senato della Repubblica, la nuova iniziativa editoriale della Fondazione, da sempre impegnata a sostenere la protezione dei beni culturali italiani e a diffondere la cultura della sicurezza, è stata illustrata alla presenza del Gen. C.A. Giovanni Nistri, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, di importanti personalità del mondo dei beni culturali, della sicurezza e della stampa.

Il volume contiene i risultati della ricerca demoscopica commissionata dalla Fondazione Hruby all’Istituto AstraRicerche, intesa a sondare la percezione che gli italiani hanno del patrimonio culturale nazionale.

“Gli italiani - ha spiegato Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione - ritengono che la tecnologia sia indispensabile per la protezione dei beni culturali. Questo è quanto emerge dall’indagine demoscopica e che è confluita nel nostro nuovo volume “Il tesoro più grande”, con il quale abbiamo voluto dar voce all’Italia che pensa, ama e vive il patrimonio artistico nazionale: i cittadini, che sono letteralmente immersi nella storia e nella bellezza. La loro fiducia verso le moderne tecnologie è assolutamente ben riposta, dato che gli strumenti oggi disponibili permettono di offrire, con costi contenuti, un’adeguata protezione per ciascuna opera e per ciascun contesto da proteggere.

Purtroppo, esiste ancora oggi un grave gap tra le possibilità offerte dalle moderne tecnologie e il loro effettivo utilizzo nell’ambito di un programma organico che consenta di agire in maniera preventiva e non seguendo la logica delle emergenze, come spesso emerge dalla cronaca dei furti e degli atti di vandalismo. Il nostro augurio è che questo volume possa contribuire a diffondere la consapevolezza del valore culturale, economico, sociale del patrimonio artistico nazionale e a sensibilizzare le istituzioni, l’opinione pubblica e soprattutto le nuove generazioni, che sono chiamate a raccogliere il testimone della salvaguardia del nostro patrimonio, sull’importanza della sua protezione e tutela come presupposto fondamentale per la sua valorizzazione”.

Un immenso (e poco protetto) patrimonio artistico

Il nostro patrimonio artistico è smisurato: “sono 4.588 in Italia i musei e gli istituti similari (3.847 musei, 240 aree archeologiche, 501 monumenti e complessi monumentali), 12.936 le biblioteche, 54 i siti UNESCO (dato, quest’ultimo, che pone l’Italia al primo posto nella classifica mondiale per numero di monumenti appartenenti alla Lista del Patrimonio dell'Umanità). Partendo da cosa è davvero ‘tesoro’ per i cittadini, attraverso questa ricerca si arriva a valutarne il valore (personale, sociale, economico) per poi affrontare il tema della conservazione e della tutela dei beni: argomento di grande importanza dal momento che il patrimonio culturale nazionale è costantemente esposto a numerosi rischi, a partire da furti, sottrazioni, atti di vandalismo e danni accidentali, e vive in una drammatica carenza di misure e sistemi di sicurezza che ne garantiscano adeguatamente la protezione.

Tra i dati emersi dalla ricerca (svolta attraverso 1.051 interviste online condotte su un ampio campione costituito da italiani di età compresa tra i 15 e i 65 anni) Roma è la città d’arte preferita dagli italiani (con l’84,5% delle preferenze, a seguire Firenze con il 28,4% e poi in ex aequo Pisa e Milano); il Colosseo con il 60,1% è il monumento scelto dagli italiani come il più rappresentativo del patrimonio nazionale.

Dal punto di vista economico, meno di un intervistato su tre ritiene che il patrimonio artistico nazionale sia pienamente valorizzato: più dell’80% degli intervistati è consapevole della necessità di un maggior livello di protezione per i nostri beni artistici. Gli italiani, almeno il 65,8%, sono orgogliosi delle bellezze artistiche del Paese, ‘solo’ il 34,3% riconosce, però, nei beni culturali il senso di appartenenza a una Nazione”.

 

 

    


maggiori informazioni su:
www.fondazionehruby.org



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2020

INTERACTIVE LIVE STREAMING
23-24-25 settembre 2020

Formazione privacy

  • Videosorveglianza e privacy: tecnologie, GDPR, videosorveglianza, cosa cambia?
    Validato da TÜV Italia
  • 10 domande sulla Privacy
    Validato da TÜV Italia

Formazione Norme CEI

  • Norma CEI 64-8: Criteri di prestazione dell'impianto elettrico
    Validato da TÜV Italia
  • Realizzi un impianto antintrusione secondo la norma?
    Validato da TÜV Italia
  • Norme CEI: Analisi e valutazione del rischio
    Validato da TÜV Italia

Formazione Antincendio

  • Il nuovo Codice di Prevenzione incendio

Formazione Responsabilità

  • Obblighi e responsabilità per gli operatori della videosorveglianza
    Validato da TÜV Italia

Formazione Commerciale

  • Vendere Sicurezza - Prima e dopo il Covid: come è cambiata la vendita

Formazione Manageriale

  • Welfare aziendale: come costruire un piano di successo

Videsorveglianza Urbana integrata

  • Per Operatori della Pubblica Amministrazione
    23 settembre, 9:00-12:30

Privacy Channel

Ethos Academy

  • Nuova data Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza
    Bologna, 29-30 Ottobre

Tecniche di vendita

Vitekna

  • Vendere sicurezza 2.0: dopo il Covid-19 come cambia la vendita
    Cercola (NA), 3-10-17 ottobre

Vigilo4You - Vigilanza Group

  • Vendere sicurezza oggi
    Brescia, data in definizione

Pillole formative

DST
Norme CEI sistemi videosorveglianza

  • Cologno Monzese (MI)
    data in definizione

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Coronavirus e comparto sicurezza