mercoled√¨, 17 ottobre 2018

Applicazioni e soluzioni

Focus Product

Il primo contatto magnetico al massimo grado di certificazione

25/11/2017

Molti costruttori richiedono oggi elevati standard di sicurezza negli edifici, in relazione agli impianti di allarme e più in generale alla building automation, in particolare nel caso di ministeri, ambasciate, unità amministrative, musei, istituzioni militari, ospedali, banche, aeroporti e scuole. Normalmente si tratta di edifici di nuova costruzione, per i quali gli impianti tecnologici sono già stati previsti e pianificati. E’ quindi di fondamentale importanza il mantenimento dei più elevati standard di sicurezza ed un’integrazione discreta dei componenti dell’impianto di allarme nel contesto architettonico e di design dei nuovi edifici. Nei fabbricati in via di ristrutturazione o di up-grade, invece, l’ inserimento di nuove e moderne tecnologie di sicurezza, oltre a soddisfare i requisiti delle normative più aggiornate, deve anche prendere in considerazione specifici vincoli artistici o soluzioni costruttive preesistenti. I moderni sistemi di sicurezza devono quindi adeguarsi anche a queste particolari situazioni e contemporaneamente rispondere con tecnologie allo stato dell’arte alle esigenze dei costruttori e degli utenti.

SENSORE DI APERTURA

A fronte delle esigenze delle moderne tecnologie di sicurezza, LINK ha sviluppato un nuovo rivelatore di apertura per finestre e porte rispondente ai più elevati standard e che offre agli integratori di sistemi, ai progettisti e agli installatori la massima flessibilità operativa. Con il sensore di apertura AMK 100 G4 è possibile adeguarsi alle specifiche necessità di installazione grazie ad una sua caratteristica fondamentale: è programmabile in sito. AMK 100 G4 è un contatto magnetico universale che può essere integrato nei sistemi di allarme esistenti in virtù di un design compatto ed della sua facilità di montaggio, grazie ad una segnalazione LED che fornisce un feedback all’installatore durante l’intero processo di apprendimento. AMK 100 G4 tiene conto anche dei cambiamenti del campo magnetico rispetto all’ambiente ferromagnetico e si adatta a questo. Il rivelatore offre tolleranza e flessibilità durante l’installazione: variazioni tra magnete e contatto vengono in una certa misura compensate automaticamente. AMK 100 G4 può anche compensare tolleranze strutturali a lungo termine, nonché umidità e forti fluttuazioni di temperatura da + 70 ° C a -40 ° C. Questo riduce i costi per le successive manutenzioni o riparazioni.

MASSIMO GRADO DI CERTIFICAZIONE

L’innovativo rivelatore di apertura AMK 100 G4 prodotto da LINK è il primo al mondo e certamente in assoluto l’unico contatto magnetico ad essere stato omologato e certificato secondo EN 50131-2-6: 2008 Grado 4 e VdS C nei laboratori di prova dell’ente tedesco di certificazione VdS. Accanto alle funzionalità aggiuntive più importanti, rispetto agli altri i sensori di apertura con EN Grado 3, esso è caratterizzato da una sicura discriminazione dello stato di apertura rispetto a un’intrusione o ad un tentativo di manipolazione. Grazie a queste particolarità sono evitati i falsi allarmi. Un’altra importante funzione del sensore AMK 100 G4 è la codifica individuale del magnete da monitorare. Solo il magnete precedentemente memorizzato viene riconosciuto e elaborato dal sensore. Si crea quindi una coppia univocamente codificata, magnete- sensore, in virtù della quale anche i tentativi più abili di manipolazione sono inevitabilmente destinati a fallire. Per scongiurare ulteriori tentativi nelle effrazioni, è prevista anche una protezione contro il sollevamento del sensore dalla superficie di montaggio. Le finestre e le porte da monitorare sono quindi protette in maniera efficace contro i tentativi di sabotaggio e furti da parte di intrusi dotati di particolari capacità e abilità tecniche.

CARATTERISTICHE DA RICORDARE

Le caratteristiche più importanti del sensore AMK 100 G4 si possono così riassumere: a) sicuro investimento per un futuro tranquillo (soddisfa le più alte richieste di oggi e di domani); b) codifica individuale dell’unità magnete e del contatto magnetico; c) discriminazione significativa da parte del sensore tra manipolazione e intrusione; d) protezione contro il sollevamento del sensore dalla superficie di montaggio; e) installazione comoda e flessibile mediante segnalazione di stato a LED; f) adattamento automatico all’ambiente di installazione (ferromagnetismo, modifiche delle tolleranze fisiche, fluttuazioni di temperatura); g) classe di protezione IP67 (adatto per uso esterno).


maggiori informazioni su:
www.link-gmbh.com



pagina precedente