venerdì, 21 settembre 2018

Applicazioni e soluzioni

Focus Product

Nuove centrali di allarme ideali per lo small business

15/12/2016

Centrali di allarme fino a 32 zone, comunicatore PSTN a bordo, modulo GPRS aggiuntivo per gestione da smartphone, espandibili filo e radio con i benefici di una vera bidirezionalità. Queste sono le caratteristiche principali della nuova gamma di centrali di Eter Biometric Technologies, ideale per soluzioni residenziali e small business. Si tratta di sistemi facili da programmare e utilizzare, con tastiere e telecomandi dal design accattivante: la soluzione ottimale per gli installatori che necessitano di un prodotto di qualità elevata ma dai costi contenuti. Programmabili da tastiera e software, queste centrali possono gestire fino a 8 aree indipendenti e accettano numerosi tipi di cablaggi a singolo e doppio bilanciamento. Oltre alle zone filari a bordo e disponibili su espansione, le centrali supportano un ricevitore radio che permette al sistema di riconoscere sensori, contatti, sirene e telecomandi wireless bidirezionali. Comunicatore PSTN a bordo per il collegamento con gli istituti di vigilanza tramite CID, espansione vocale con comandi DTMF , nonché espansione GPRS per il completo controllo via SIM sia tramite pagina web che da APP gratuita per smartphone, fanno di queste centrali una soluzione pratica e efficiente che permette la realizzazione dell’impianto sia in soluzioni nuove ma solo parzialmente predisposte, sia in situazioni preesistenti che necessitano di sostituzione/ampliamento.

I PLUS DELLA BIDIREZIONALITÀ

Segnale sicuro e risparmio della batteria - La comunicazione bidirezionale nel sistema Eter Eclipse permette a tutti i dispositivi del sistema di comunicare con rispettivo riconoscimento da parte della centrale. Il sensore infrarosso radio, per esempio, trasmette il segnale di allarme alla centrale tante volte quanto necessario, fino a quando la centrale riceve e riconosce il segnale informando il sensore: in questo caso il sensore è un dispositivo “intelligente”. In un sistema di comunicazione monodirezionale, al contrario, non c’è modo per essere sicuri che il segnale sia stato ricevuto dalla centrale, anche inviandolo 10, 20 o 100 volte. Tra l’altro ogni “invio” consuma più energia e accorcia la durata della batteria. Ecco perché la comunicazione monodirezionale prevede l’invio di solo 2 o 3 tentativi di trasmissione. I sensori Eter Eclipse del sistema comunicano invece a intervalli di manutenzione prefissati (ogni minuto) in maniera completamente trasparente all’utente. Ogni due ore, inoltre, la centrale effettua un check autonomo per verificare eventuali guasti dei sensori. Protezione Jamming - La comunicazione bidirezionale protegge il sistema Eter Eclipse contro i disturbi sulla frequenza. Quando viene rilevato un tentativo di disturbo tutto il sistema (centrale e sensori) si sposta su un’altra banda nell’intervallo 868-869MHz, utilizzando l’Agility Adaptive Frequency insito nel algoritmo. Questo non è invece possibile con i sistemi monodirezionali, che possono quindi essere inibiti molto facilmente da un attacco esterno. Installazione veloce, semplice e sicura - Nel sistema di Eter Eclipse è possibile controllare la potenza del segnale di tutte le periferiche semplicemente premendo il tasto di registrazione su di esse. È anche possibile selezionare ciascun dispositivo e il LED del dispositivo ricercato inizierà a lampeggiare di giallo. Questo rende l’installazione del sistema molto più semplice! Se si desiderasse configurare un sistema in ufficio prima dell’installazione, e ci fosse un altro sistema sulla stessa banda di frequenza, normalmente sarebbe buona norma disattivare il sistema esistente onde evitare problemi: col sistema Eter Eclipse penserà invece la centrale a passare in un’altra banda di frequenza in 15-20 secondi, potendo continuare a utilizzare entrambi i sistemi. Utilizzando un sistema monodirezionale, invece, se si tenta di installare un sistema vicino a un altro sulla stessa banda, entrambi possono avere vicendevoli problemi. Segnalazione reale dello stato impianto - La comunicazione bidirezionale del sistema Eter Eclipse fornisce informazioni sullo stato del sistema: ogni comando effettuato tramite il telecomando viene visualizzato con LED e suoni differenti a seconda che l’operazione abbia avuto successo o meno. Protezione dell’impianto - Normalmente i rilevatori monodirezionali hanno bisogno di un tempo di assopimento di 2-5 minuti tra una segnalazione di allarme e l’altra. Pertanto, se si attiva l’impianto dopo aver violato un sensore e si abbandona il sito, nel corso di questi minuti un ladro può entrare senza che i rivelatori inviino il segnalo. E se il ladro si muove almeno una volta entro questi minuti i rivelatori non potranno mai entrare in funzione e non potranno trasmettere l’allarme, perché hanno ancora bisogno dei minuti di “no movimento”. Col sistema Eter Eclipse questo problema non esiste!


maggiori informazioni su:
www.eter.it



pagina precedente