lunedì, 24 settembre 2018

Solutions Gallery

Solution

Tre maggiori aeroporti italiani: 75 km a tutta sicurezza

10/09/2018

La sicurezza negli aeroporti negli ultimi anni è diventato un tema particolarmente sentito. L’Unione Europea ha emanato una serie di direttive sulle infrastrutture critiche comprendenti gli aeroporti, per il loro impatto transfrontaliero su un elevato numero di persone, e indicando il conduttore come responsabile della protezione del perimetro. La prima difesa è quella fisica passiva, sistema dissuasivo ancora oggi fondamentale. Così come fossati e fortificazioni proteggevano antichi borghi e castelli dalle invasioni, analoghe strutture fisiche - riviste in chiave moderna e tecnologica - vengono ancora oggi applicate. Da anni per ottenere l’abilitazione ENAC è indispensabile predisporre una robusta recinzione con altezza minima di 2,5m sovrastata da concertina di diametro 60cm. Barriere, recinzioni, muri, grate, dissuasori, car-block sono difese fisiche passive, mentre tecnologie elettroniche di rilevazione come sensori volumetrici, di vibrazione e radar si definiscono attive. La sola difesa fisica può rallentare l’intruso, ma non è sufficiente a garantire il tempo di intervento per raggiungerlo: ecco perché fin dagli anni ’80 l’elettronica si è applicata per localizzare e comunicare con immediatezza l’effrazione. Le esigenze di sicurezza degli aeroporti negli anni si sono evolute e assieme ad esse anche le prestazioni dei dispositivi perimetrali.

LA SOLUZIONE

Nello specifico i tre aeroporti più importanti d’Italia hanno adottato la tecnologia SIOUX MEMS 3D di CIAS, con sensori ogni 5m ma precisione di 1m nell’informazione verso VMS/PSIM, interpolando il dato classificato per preallarme intrusione, allarme intrusione, preallarme taglio, allarme taglio, manomissione e guasto. Telecamere termiche fisse con analisi video integrata e dome IR vanno quindi a monitorare quanto rilevato dal sistema Sioux. L’architettura del sistema è quella tipica dei grandi perimetri, con fibra mono-modale ridondata interrata per il trasferimento dei dati, e sulla quale ogni 700m si intestano i box contenenti alimentazioni, switch e Control-Unit, ognuna delle quali gestisce 2 rami da 350m (è in rilascio in questi mesi la più potente versione SIOUX PLUS fino a 1500m).

I BENEFICI

Nonostante gli imponenti perimetri, 75km in totale, l’installazione ha richiesto tempi relativamente brevi, grazie alla semplicità di cablaggio dell’esclusivo sistema Plug&Play RJ45 con veloce indirizzamento dei sensori MEMS e l’auto- acquisizione della CU. Con la messa in rete si telegestiscono informazioni di allarme e apparecchiature. Semplice anche l’integrazione del protocollo proprietario CIAS sul sistema VMS/ PSIM con il IB-SYSTEM IP sw: le informazioni cifrate AES128 provenienti dalle CU sono tradotte e rese disponibili via IP al Supervisore. I parametri da rispettare erano: velocità di comunicazione dell’intrusione non superiore a tre secondi per l’intero processo (la riduzione di questo valore è stato un punto di vantaggio del sistema Sioux), oltre agli internazionali criteri del numero di falsi allarmi (NAR), numero di allarmi impropri dovuti a fenomeni esterni (FAR) e probabilità di rilevazione (POD). La messa in funzione ha richiesto impegno per far collimare l’enorme quantità di punti di intrusione con i relativi pre-set di allarme delle dome integrate, ma ha superato tutti i test di attacco secondo lo schema di commissioning della Direzione Lavori. Attualmente le soluzioni Cias, in gran parte operative o in fase di attivazione, stanno dando ottimi risultati a livello di performance di campo e affidabilità, come più volte dichiarato dagli utilizzatori dei sistemi.


maggiori informazioni su:
www.cias.it



pagina precedente

È un progetto
Ethos Media Group

Sezione dedicata alla valorizzazione delle soluzioni di sicurezza per mercati verticali

Obiettivi

La crescita e l'innovazione tecnologica, accelerata dalla tecnologia IP sta portando il comparto della sicurezza verso la crescita e la consapevolezza che il futuro sono le soluzioni e l'integrazione.

Per questo, quando una soluzione/applicazione è significativa e rappresenta un'eccellenza è giusto lasciarne traccia.

Solutions Gallery vuole quindi raccogliere le soluzioni/applicazioni più significative, create per i mercati verticali, i case history, le idee, che hanno portato alla scelta installativa.

Si parte dallo stato dell'arte e la sfida tecnologica per identificare quale siano le esigenze del committente.
Si passa alla tecnologia messa in campo, quindi viene descritta la soluzione adottata, per poi passare al vantaggio per la committenza.
Il tutto raccontato in modo semplice e pratico, descrivendo la location, la tipologia dell'installazione, i tratti salienti del sistema, le funzionalità principali, il tutto esprimendo le potenzialità dell'applicazione e il vantaggio che ne deriva.