martedì, 13 novembre 2018

News

Normative

Soddisfazione del cliente: aggiornata la serie di norme ISO. L’adozione nazionale è vicina

25/09/2018

MILANO - La chiave del successo di un'azienda, a qualsiasi settore essa appartenga, passa dal soddisfare e fidelizzare il cliente: dall’offerta di servizi alla gestione dei reclami, prendersi cura dei propri clienti costituisce infatti un elemento fondamentale, anzi un imperativo. Sono numerosi gli studi che dimostrano che le imprese attente a soddisfare i propri clienti raggiungono maggiori ricavi e migliori ritorni dagli investimenti.

Una serie di norme internazionali recentemente aggiornata riunisce le best practice internazionali per migliorare la soddisfazione del cliente, in linea con la principale norma per la gestione per la qualità: la UNI EN ISO 9001.

 

A livello nazionale è prevista l’adozione del "pacchetto": le norme UNI ISO saranno pubblicate in lingua inglese entro la fine dell’anno, mentre per le traduzioni in lingua italiana ci vorrà più tempo (2019 inoltrato).

La serie di norme, revisionata dal sottocomitato SC 3 “Supporting technologies” dell’ISO/TC 176 “Quality management and quality assurance”, comprende:

•ISO 10001 “Quality management - Customer satisfaction - Guidelines for codes of conduct for organizations”

•ISO 10002 “Quality management - Customer satisfaction - Guidelines for complaints handling in organizations”

•ISO 10003 “Quality management - Customer satisfaction - Guidelines for dispute resolution external to organizations”

•ISO 10004 “Quality management - Customer satisfaction - Guidelines for monitoring and measuring”.

Stan Karapetrovic, responsabile del gruppo di lavoro che ha seguito la revisione, le norme intendono guidare le organizzazioni a implementare sistemi efficaci per migliorare la soddisfazione dei clienti. “Le norme sono state riviste simultaneamente per garantire la coerenza tra loro e con la ISO 9001. Ogni standard può essere adottato individualmente, ma la loro efficacia è migliore con una applicazione integrata”.

 


maggiori informazioni su:
www.uni.com



pagina precedente