domenica, 24 giugno 2018

News

Business & People

Lo stato di salute della sicurezza nel report 2017 di Memoori

19/12/2017

LONDRA (UK) – Rosee previsioni di crescita per il mercato della sicurezza che, secondo l’ultima analisi di mercato condotta da Memoori – la nona edizione del Report annuale “The Physical Security Business 2017 – 2022" – raggiungerà i 41,27 miliardi di dollari nel 2022, a un CAGR del 7,2%. Punto di partenza del report sono i risultati ottenuti dai  tre settori in cui si distribuisce il mercato (videosorveglianza, controllo accessi e antintrusione), ancora nettamente separati secondo gli analisti di Memoori.  

Negli ultimi tre anni,l’industria del controllo accessi ha offerto una prestazione notevole ed è arrivata a occupare  una quota di mercato pari al 23,5%,  mantenendo una crescita media di circa il 7%, nettamente superiore a quella della videosorveglianza. Dopo le performance molto brillanti degli anni fino al 2014, e il successivo rallentamento, il comparto della videosorveglianza ha registrato nel 2017 una crescita del 5,9% rispetto al 2016, arrivando a rappresentare il 54,5% del business della sicurezza fisica, con un valore stimato attorno ai 15,9 miliardi di dollari. Tassi di crescita che sembrano deludenti se paragonati a quelli del periodo d’oro della videosorveglianza, caratterizzato da una crescita media del 9,7%, ma che si prestano invece a una lettura positiva – spiegano gli analisti – se rapportati ai timori dei produttori in relazione alla sempre più aggressiva competizione sui prezzi. Questa continuerà ad essere anche nei prossimi mesi una delle sfide decisive per i produttori, in particolare per quelli occidentali, e richiederà sostanziali revisioni delle strategie di business. L’analisi di Memoori prevede lo sviluppo della domanda di prodotti a marchio nel mercato enterprise, motivata dall’integrazione fra i servizi dei tre settori ed altri servizi di Business Application (BAS) e dalla convergenza con l’IT. Questo dovrebbe portare il mercato della videosorveglianza a un valore di 22,78 miliardi di dollari nel 2022

Alcuni segnali indicano che la pressione sui prezzi comincerà a farsi sentire anche nel controllo accessi, con un effetto negativo sulla crescita in termini di valore. Tra i fattori trainanti della riscossa di questo comparto nell’ultimo biennio, gli analisti menzionano invece l’aumento della penetrazione dei sistemi IP network, ulteriori progressi nei lettori biometrici, la gestione dell’identità e i sistemi di serrature wireless.

Infine, l’antintrusione che, con un valore di 6,4 miliardi, copre oggi una quota di mercato del 22%. Quella che si può ritenere l’ “origine” dell’industria della sicurezza fisica, ha da tempo ha raggiunto la maturità, ma l’uso in continuo aumento di radar e telecamere termiche ha contribuito a una crescita del comparto del 2,5% nel 2017.

La ricerca si conclude con una dettagliata analisi delle sfide con cui si dovranno confrontare i player dei tre settori, in particolare in ambito occidentale, e con un approfondimento delle opportunità (o minacce) che stanno cambiando lo scenario della sicurezza, dall’IoT alla Cyber Security, dall’Intelligenza Artificiale ai Big Data all’integrazione e alla convergenza IT.

 


maggiori informazioni su:
https://www.memoori.com



pagina precedente