venerdì, 14 giugno 2024

News

Business & People

Visione Sicurezza, le “connessioni” fondamentali per infrastrutture stradali e ferroviarie sicure e sostenibili

25/11/2023

“‘Cosa dobbiamo fare è chiaro a tutti: dobbiamo migliorare, quantitativamente e qualitativamente, le nostre reti infrastrutturali, superando l’antico dualismo grandi opere versus manutenzioni e puntando ad alzare sempre di più il livello della sfida. Visione Sicurezza, quest’oggi, ha voluto lanciare un messaggio forte sul ‘come’ raggiungere questi obiettivi: puntando sui driver della sicurezza, dell’innovazione e della sostenibilità, quale tessuto connettivo delle opere nuove o rimesse in efficienza. E soprattutto puntando sulla competenza e la passione delle persone, e sulle nuove tecnologie, che ci permetteranno, oltre che di fare bene, anche di fare presto, di cui il nostro claim ‘inspired by speed’, perché non c’è un minuto da perdere”.

Con queste parole, Irina Mella Burlacu e Giorgio Mannelli, i CEO dell’organizzatore VISION, hanno sintetizzato i contenuti di Visione Sicurezza, evento, tenutosi lo scorso 19 ottobre, incentrato sui temi della sicurezza stradale e ferroviaria organizzato all’interno del Misano World Circuit Marco Simoncelli. Erano presenti oltre 500 top manager del settore delle infrastrutture e istituzioni, provenienti da tutta Italia.

Il focus principale di questo "community event" è stato il tema delle “connessioni” tra strade e ferrovie, tra progetto e cantiere, tra cantieri e viabilità, tra infrastrutture e automotive, tra opere esistenti e nuove opere, tra passato, presente e futuro, tra sicurezza, ecosostenibilità e innovazione.

Nel corso di una tavola rotonda, esperti, istituzioni e manager della filiera infrastrutture si sono confrontati, riflettendo sul modo di costruire sinergie, ottimizzazioni operative e lavoro di squadra, in funzione di uno sviluppo di tutto il settore dal punto di vista della sicurezza e della sostenibilità. 

Un supporto agli Enti territoriali

E' emersa l'importanza delle connessioni all’interno del sistema infrastrutturale. Domenico Capomolla (Direttore Anfisa, Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture Stradali e Autostradali) ha infatti evidenziato come le connessioni si attivano anche attraverso iniziative di sensibilizzazione e supporto agli Enti territoriali per stimolare e promuovere l’adozione di Sistemi di Gestione della Sicurezza, anche in ottica di previsione e gestione di dissesti idrogeologici. 

Per Daniela Aprea (Direttore TID Spoke & Digital Rail Infrastructure Development Department Italferr Gruppo FS Italiane) la digitalizzazione è un fondamentale driver di connettività nel processo di innovazione delle infrastrutture e di creazione di valore. 

I vari relatori hanno affrontato il tema delle connessioni attraverso le sinergie strada-rotaia, multimedialità, progettualità integrate tra diversi modi di trasporto e con i territori, non più solo “attraversati” bensì consapevolmente “vissuti”, comportamenti che non fanno che valorizzare e amplificare, potenzialmente ed effettivamente, la natura stessa di strade e ferrovie, due attori protagonisti da accostare sempre ad altri due fattori altrettanto cruciali: persone e tecnologie. 

Visione Sicurezza ha avuto il merito di stimolare la riflessione sulle infrastrutture nuove o rinnovate, integrando le tematiche proprie delle nuove opere, a partire dalla Gronda di Genova o dal Ponte sullo Stretto, e quello delle grandi manutenzioni, lavorando su entrambi i fronti. 

Da segnalare infine che l’evento Visione Sicurezza 2023 è stato organizzato in ottica sostenibile, avendo compensato 20 tonnellate di CO2 equivalenti. 


maggiori informazioni su:
https://visionesicurezza.it/



Tutte le news