lunedì, 24 giugno 2024

News

Business & People

Fixed Wireless Access: opportunità strategica per lo sviluppo del Paese

25/10/2023

In riferimento al tema "connessione a Internet", il nostro Paese continua ad andare a due velocità: si contrappongono le città, da un lato, dall’altro i territori extraurbani. La questione rappresenta però un’opportunità: se tutte le province italiane raggiungessero un tasso di sottoscrizione alla Banda Ultra Larga pari a quello della provincia di Milano, il PIL crescerebbe del +3.5%, circa 69 miliardi di euro, mentre la produttività media per lavoratore aumenterebbe di 203 Euro all’anno.

Questa valutazione emerge dallo studio “Fixed Wireless Access (FWA): opportunità strategica per lo sviluppo del Paese”, presentato a Roma a fine settembre 2023 e realizzato da The European House-Ambrosetti in collaborazione con EOLO, Società Benefit e prima B Corp del settore Telco.

Nel quadro europeo della connettività, l’Italia presenta ritardi di copertura infrastrutturale e sottoscrizione di servizi, soprattutto con riferimento a connessioni superiori a 100 Mbps, che si riflettono in velocità di navigazione inferiori”, dichiara Valerio De Molli, Managing Partner e CEO di The European House – Ambrosetti. “Inoltre, l’Italia presenta profonde differenze territoriali in termini di velocità di navigazione, tra le diverse province e tra le aree urbane e quelle rurali. Il ritardo è dovuto alle difficoltà di attuazione dell’investimento pubblico (PNRR) e alla mancanza di stimoli all’investimento privato.

Tuttavia, l’Italia è consapevole di quanto sia strategica questa partita e si è dato l’ambizioso obiettivo di coprire l’intero territorio nazionale a 1Gbps entro il 2026, anticipando le richieste dell’UE. Per accelerare e centrare il traguardo, serve adottare un principio di neutralità tecnologica, cioè utilizzare la migliore tecnologia disponibile in base alle caratteristiche del territorio e all’obiettivo da raggiungere. La Fixed Wireless Access, con la sua velocità di implementazione e i costi contenuti, può essere la chiave per portare la connettività nei territori più difficili da coprire con la fibra, per raggiungere i target del PNRR e porre l’Italia tra i primi Paesi a livello europeo per copertura e qualità dei servizi”.

Una crescita inclusiva

La possibilità di accedere diffusamente alla Banda Ultra Larga costituirebbe un fattore abilitante per una crescita inclusiva: le elaborazioni prodotte da The European House – Ambrosetti mettono in evidenza un dato si grande interesse: nelle aree prove di connettività veloce, i cittadini che sono a rischio di disoccupazione per un periodo di tempo lungo sono il 45.5%, contro il 6.3% di chi si trova in aree che dispongono di Banda Ultra Larga.

Lo stesso studio sottolinea inoltre quanto sia importante applicare il principio della neutralità tecnologica promosso dal Piano Italia a 1 Giga: la complementarità progettuale e realizzativa di Fiber To The Home (FTTH) e Fixed Wireless Access (FWA) sbloccherebbe infatti benefici in termini di efficacia ed efficienza degli investimenti di circa 3 miliardi di euro.

Dinanzi a queste differenze nell’accesso alla Banda Ultra Larga, The European House – Ambrosetti evidenzia che, per raggiungere gli obiettivi del Piano Italia a 1 Giga, il 90% degli investimenti pubblici e privati dovrà essere concentrato nei prossimi anni proprio nelle aree extraurbane. Per questa ragione, lo studio mette in luce il ruolo strategico della tecnologia FWA, che risulta la soluzione migliore per 5.8 milioni di Unità Immobiliari, circa il 15.9% del totale.

 


maggiori informazioni su:
https://www.ambrosetti.eu/



Tutte le news