lunedì, 24 giugno 2024

News

Business & People

“Il nuovo decennio digitale: sfide e prospettive”

04/05/2023

Il Centro Studi Americani, a Roma, è stato di recente sede di un evento “Il nuovo decennio digitale: sfide e prospettive”, organizzato da INFRATEL.

In rappresentanza di Federazione ANIE, il Direttore Generale Maria Antonietta Portaluri ha portato la testimonianza di ANIE SIT, Associazione che dal 2020 rappresenta le imprese specializzate nella realizzazione, manutenzione e gestione di Infrastrutture Fisse e Radiomobili per le Telecomunicazioni e servizi associati. Il comparto occupa 30.000 addetti, con un fatturato di 3 miliardi di euro.

Il capitale umano

Gli aspetti più critici per lo sviluppo della Rete a Banda Ultra Larga in Italia sono quello umano e quello relativo alle competenze necessarie per impiegarlo.

Per far fronte ai bandi assegnati del PNRR, sarà necessario poter contare su circa 15.000 risorse aggiuntive: tra progettisti (8%),  addetti alla giunzione delle fibra ottica e collaudo (20%), addetti alla posa aerea e interrata (30%) e per lavori civili (42%) (aggiuntive rispetto alla situazione pre PNRR dove si evidenziava un deficit di capacità lavorativa di 25.000 risorse).

La Federazione ritiene quindi necessaria rivedere la logica dei "flussi migratori" per i contratti TLC e Metalmeccanici, con una quota dedicata alle TLC, oltre a prevedere finanziamenti a fondo perduto per l’accoglienza e la formazione di risorse altrimenti non produttive. Determinante inoltre l’apertura di un tavolo di confronto con le aziende per rivedere i tempi di consegna dei lavori previsti per l’anno in corso.

I costi a carico delle imprese

Facendo riferimento al delicato tema del costo delle materie prime e alla revisione dei prezzi, gli incrementi finora registrati comportano un extra-costo di oltre il 16% totalmente a carico delle imprese che si occupano della costruzione della rete.

Servizi e forniture non possono essere escluse dai provvedimenti che consentono interventi straordinari per compensare gli aumenti dei prezzi dei materiali sui contratti già aggiudicati. Limitare i provvedimenti ai soli lavori pubblici del settore ordinario, e legare le compensazioni a un elenco di materiali che poco riguarda quelli utilizzati dalla imprese di TLC, frena lo sviluppo atteso e non premia quelle imprese che in piena pandemia sono state in prima linea per consentire la tenuta della Rete.

Il Codice Appalti rende obbligatorio l’inserimento di clausole di revisione prezzi per tutti gli appalti di lavori, forniture e servizi ma non convince nel meccanismo di revisione legato alle variazioni ISTAT. Per i concessionari e gli appalti di settore speciale devono essere le stazioni appaltanti ad individuare formule di revisione prezzi considerando il paniere di materiali più utilizzati nell’appalto assegnato e prevedendo effettive forme di ristoro nel rispetto del principio di equilibrio economico del contratto.

Necessario un tavolo permanente 

Questo scenario, non privo di difficoltà, potrebbe scoraggiare gli imprenditori nell’esecuzione dei contratti e far sì che non si attraggano nuovi investimenti. Federazione ANIE ed ANIE SIT auspicano a tal fine all’inaugurazione di un tavolo permanente di confronto con INFRATEL per poter intervenire sugli aspetti critici e raggiungere gli  obiettivi del PNRR, che destina il 27% delle risorse alla transizione digitale, di cui 6,7 miliardi di Euro per progetti attuativi della Strategia per la Banda Ultralarga.

L’Italia si è data l’ambizioso obiettivo di portare la connettività a 1 Gbit/s su tutto il territorio nazionale entro il 2026, in anticipo rispetto agli obiettivi europei fissati al 2030, occorre quindi aiutare le imprese a completare i lavori, in una logica di coerenza con gli altri interventi per il miglioramento del comparto edilizio, sia privato e che pubblico.

Lavorare sull'indicatore digitale degli edifici

Se il Paese vuole davvero traguardare la digitalizzazione delle Costruzioni e avere edifici digitali con lo sviluppo di servizi per chi li abita o vi lavora occorre spostare la visione dalla struttura esterna degli edifici (su cui oggi si concentrano norme e risorse) alla struttura interna ovvero alla dotazione impiantistica (impianti integrati e digitali), senza la quale – non solo non sarà possibile attuare l’attesa transizione digitale – ma nemmeno centrare gli obiettivi di efficienza energetica.

ANIE ha avanzato proposte per agevolare la transizione gemella: verde e digitale: lavorare sull’indicatore digitale degli edifici, che includa l’attestato di prestazione energetica, e prevedere misure di incentivazione per spingere domanda privata (bonus digitale al 65% per ogni soluzione impiantistica integrata digitale). 


maggiori informazioni su:
https://anie.it/



Tutte le news