martedì, 6 dicembre 2022

News

Tecnologie

Vimar, prese USB compatte e ad alta potenza

18/11/2022

Oltre a rappresentare una parte essenziale del nostro vivere quotidiano, smartphone e PC ci permettono anche di accedere a funzioni per la gestione della casa che semplificano la vita di ogni giorno. Da parte dei produttori si fa un sempre più diffuso impiego di prese USB di tipo C, compatte e performanti e rese obbligatorie, a partire da ottobre 2024, dalla normativa europea, con l’obiettivo di ridurre la proliferazione dei caricatori portatili, che non sono più forniti nelle confezioni degli smartphone.

Per rispondere a queste nuove esigenze, Vimar propone due nuovi prodotti per la ricarica dei dispositivi portatili: vere e proprie prese da incasso da affiancare alle usali Biprese e prese universali.

Alta potenza per il nuovo alimentatore USB 

La nuova fase di sviluppo che il settore degli smartphone sta attraversando prevede che i principali player del settore propongano dispositivi con batterie sempre più potenti che richiedono però tempi di ricarica molto più veloci.

Vimar propone per questa ragione un nuovo dispositivo da incasso su 2 moduli - dotato di presa USB di tipo C e disponibile per le serie Eikon, Arké, Linea e Plana nelle relative colorazioni dei comandi – con una potenza di 30W, che supporta la tecnologia USB Power Delivery - lo standard con cui è possibile raggiungere livelli di ricarica più veloci rispetto alle tecnologie convenzionali - ed è certificato USB-IF.

Il nuovo alimentatore USB ad alta potenza consente quindi di ricaricare velocemente (in 30 minuti si ha oltre il 50% della ricarica) i principali smartphone e una grande parte dei nuovi modelli di notebook. Il dispositivo si rivela particolarmente utile nel settore dell’hotellerie, evitando agli ospiti di doversi portare in valigia i loro alimentatori portatili.

Nuova presa universale P40 con USB incorporato

Di particolare interesse per il settore residenziale e terziario è la nuova presa universale P40 da 16A con USB di tipo C da 3A incorporata. Un dispositivo su 2 moduli che permette l’utilizzo contemporaneo delle due prese. Sarà così possibile ricaricare un dispositivo portatile e allo stesso alimentare un qualsiasi altro apparecchio, come lampade ed elettrodomestici. Anch’essa disponibile per le serie Eikon, Arké, Linea e Plana, la nuova presa consente di ottimizzare il punto luce.

Entrambi i prodotti si affiancano e completano la già ampia offerta di prese USB in diverse varianti e modularità, compatibili con i dispositivi dei principali produttori. Compatte, performanti ed esteticamente coordinate con tutte le finiture delle serie Eikon, Arké e Plana, queste prese sono disponibili in una versione da 1 modulo nella tipologia che racchiude in un unico dispositivo due tipi di uscite per una potenza totale di 2,4 A (ripartita sulle due uscite).

Alla versione compatta da 1 modulo si affianca quella delle prese di tipologia A+C o C+C su due moduli, con due tipi di uscita per una potenza totale di 3 A, dove le uscite di tipo C permettono la ricarica a piena velocità (fast charge) fino a 3 A 5 V.

Completano la gamma prese di tipo A o C su un unico modulo, che permettono di erogare una potenza totale di 1,5 A. Che siano coordinate con il design elegante di Eikon, con quello contemporaneo di Arké, quello informale di Plana o classico di Idea, le prese USB Vimar sono in grado di inserirsi perfettamente in qualsiasi contesto architettonico.

 


maggiori informazioni su:
www.vimar.com



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2023

Ethos Academy propone corsi di formazione sui temi della sicurezza, che sono anche propedeutici alla certificazione e validi per il mantenimento.
Il calendario 2023 è in allestimento

Scopri la programmazione »

Secsolution
Il podcast

Scenari, tecnologia e formazione sulla sicurezza in formato audio

Video Virtual Tour Coronavirus e comparto sicurezza
Video virtual tour offre l'opportunità di entrare nel cuore dell'azienda.

Un'immersione a 360 gradi nella realtà dell'azienda

Coronavirus e comparto sicurezza