mercoledì, 26 gennaio 2022

News

Business & People

"Le città del futuro" secondo EasyPark Group

26/10/2021

Quali sono nel mondo le città che impiegano la tecnologia per migliorare la sostenibilità e la vivibilità per il presente e per il futuro dei propri cittadini?

A questa domanda risponde uno studio, “Cities of the future” che, attraverso l’analisi di dati esistenti, indica quali siano le Smart City che affrontano con tecnologie all'avangardia le sfide del futuro. Lo studio è stato condotto e realizzato da EasyPark Group che, in considerazione del fatto che il numero di abitanti influenza in modo determinante il genere di sfide che le città devono fronteggiare, ha suddiviso lo studio in tre categorie, stabilite sulla base della dimensione delle singole città: aree metropolitane con più di 3 milioni di abitanti, città con un numero di abitanti da 600.000 e 3 milioni, infine città con un numero di abitanti compreso tra 50.000 e 600.000 persone.

In sintesi i risultati:

Londra si classifica al primo posto. E' la metropoli - tra le città con oltre 3 milioni di abitanti - più all’avanguardia e pronta ad affrontare le sfide del futuro. È seguita da New York e San Francisco. Tra le città più avanzate anche in riferimento al raggiungimento di obiettivi legati alla sostenibilità, figura Milano, che si è classificata come 37esima sulle 50 migliori al mondo tra le città con più di tre milioni di abitanti. 

Copenaghen si colloca al primo posto tra le città tra 600.000 e 3 milioni di abitanti. È seguita da Stoccolma, in Svezia e Oslo, in Norvegia.

Lund, in Svezia, si classifica al primo posto tra le città fra 50.000 e 600.000. Seguono Stavanger, in Norvegia, ed Espoo, in Finlandia.

Cosa è stato analizzato 

“Abbiamo analizzato – spiegano da EasyPark Group - un numero altissimo di città in tutto il mondo, incluse le 3200 in cui il nostro Gruppo opera. Sappiamo bene che le città devono far fronte a sfide uniche e che si sviluppano in modo diverso in base a una serie di fattori, come ad esempio la loro dimensione. Per questo motivo, in base alla popolazione di ogni città, abbiamo suddiviso lo studio in tre categorie. Abbiamo, quindi, raccolto le 50 città con i punteggi più alti per ogni categoria.

Per condurre lo studio, abbiamo preso in considerazione quattro aspetti che danno la misura della sostenibilità e dello sviluppo tecnologico delle città. Il primo aspetto riguarda la vita digitale degli abitanti, e considera la presenza di strutture educative tecnologiche di alto livello, di sistemi sanitari digitali e della tecnologia adottata dalle città dal punto di vista individuale e amministrativo.

Il secondo aspetto è quello dell’innovazione nel campo della mobilità, che è stato valutato prendendo in considerazione la qualità delle nuove soluzioni per il parcheggio, per la gestione del traffico e l’ecosostenibilità dei mezzi di trasporto. In seguito, abbiamo analizzato l’infrastruttura informatica. In questa categoria sono inclusi fattori come l’innovazione in diversi settori commerciali, la possibilità di effettuare pagamenti elettronici negli esercizi e la connettività internet nel suo complesso".

Un altro fattore che lo studio ha preso in considerazione è l’impatto ambientale, prendendo in considerazione i dati sulla sostenibilità nella sfida al cambiamento climatico, la gestione dei rifiuti, la bioedilizia e l’utilizzo di energie rinnovabili.

 



Tutte le news