lunedì, 18 ottobre 2021

News

Business & People

Gestire la cloud security nel modo giusto

29/09/2021

Le aziende sono sottoposte a un controllo attento su raccolta, elaborazione e conservazione dei dati e di altre risorse online: i responsabili della regolamentazione, i leader del settore e gli utenti si aspettano infatti che i dati personali siano efficacemente protetti contro la loro perdita, manipolazione o furto.

Il costo della mancata compliance ai regolamenti, agli standard e alle aspettative può essere molto alto in termini di perdita di entrate, insoddisfazione degli utenti, danni al brand, spese giudiziarie e di recovery e sanzioni.

Un requisito fondamentale per il business

Mantenere una solida impostazione di sicurezza è diventato un requisito fondamentale per il business in un momento in cui il panorama delle minacce è estremamente impegnativo. Le applicazioni cloud-native altamente distribuite, con i loro workload temporanei in esecuzione su complesse infrastrutture ibride/multi-cloud, presentano superfici di attacco estese e vulnerabili mentre le minacce dei cybercriminali sono sempre più sofisticate e pericolose.

Nel modello di responsabilità condivisa, il provider mette in sicurezza le sue risorse infrastrutturali di computing-store-network, mentre il cliente è responsabile della configurazione sicura dei suoi account e delle risorse che girano sull'infrastruttura del cloud pubblico.

Una soluzione cloud security posture management (CSPM) di livello enterprise, che sfrutta tool e servizi di sicurezza cloud-native non è più solo una cosa piacevole da avere. È essenziale per: Visibilità end-to-end e dinamica della compliance; Correzione automatica delle configurazioni errate; Prevenzione proattiva delle minacce; Visualizzazioni intelligenti della disposizione di sicurezza.

Estendere la cloud-native security posture management

I cloud provider offrono servizi e strumenti preziosi per la gestione della compliance (come AWS Security Hub, AWS Config e Azure Security Center) e la threat detection (come Amazon GuardDuty, AWS CloudTrail, Amazon Macie e Azure Sentinel).

Questi servizi e strumenti sono specifici del cloud provider. In un'infrastruttura multi-cloud/ibrida, è molto difficile sfruttare questi tool disparati per ottenere la visibilità end-to-end, essenziale per una gestione efficace della cloud security. Ecco perché è importante che la piattaforma CSPM sia in grado di integrarsi profondamente con gli strumenti cloud-native e includere i loro output in una fonte centralizzata della postura di sicurezza. 

 

 



Tutte le news