martedì, 7 dicembre 2021

News

Business & People

CIAS: la Protezione Perimetrale dei “Siti Seveso”

12/07/2021

MILANO - In Europa si contano almeno 12.000 impianti che utilizzano sostanze chimiche pericolose, luoghi in cui eventuali incidenti potrebbero causare danni alla biodiversità ambientale, nuocere alla salute umana e impattare economicamente, con perdite da miliardi di euro.

A seguito di un primo incidente avvenuto a Seveso nel 1976, e altri simili occorsi a Bhopal, Toulouse ed Enschede in Francia, l'Unione Europea ha riclassificato il rischio chimico e regolamentato la protezione di questi impianti sotto la “Direttiva Seveso” (Directive 2012/18/EU - Technological Disaster Risk Reduction) - che impone ai cosiddetti “Siti Seveso” di mantenere un altissimo livello di prevenzione.

Le soluzioni principali da adottare

La direttiva europea, varata dopo l’incidente avvenuto il 10 luglio 1976 nell’azienda ICMESA in Brianza, stabilisce i criteri di classificazione dei siti industriali a rischio. La protezione perimetrale costituisce una delle principali soluzioni da attuare per una buona prevenzione dei rischi.

Trattandosi di siti ad alta sicurezza, richiedono un'alta POD (Probabilità di Detezione dell'intrusione), con una protezione che copra le 24/7 e non sia disturbata dalle operazioni produttive del sito. I siti sono classificati in vari livelli di criticità, a seconda del tipo e della quantità di prodotti chimici gestiti. Generalmente è necessario usare prodotti inox, con involucri ad alto indice IP, o custodie ATEX anti-deflagrazione, il tutto integrato con il circuito TVCC per assicurare un livello di protezione massima.

A seconda della classificazione del sito e della sua architettura, possono essere necessarie diverse soluzioni perimetrali in sinergia. É necessario perciò studiare un’installazione che risponda a tutti questi requisiti. Per una protezione completa vengono abbinati uno o più sistemi di rilevamento.

In genere questi siti sono protetti da una robusta recinzione con altezza minima di 2,5m sovrastata da concertina di diametro 60cm. Per rilevare tentativi di scavalcamento, si può installare un sistema come SIOUX PRO2 MEMS, dotato di pin-point dell’intrusione, ridondanza, settaggio remoto (grado IP66).

Il sistema a fibra ottica

Quando richiesto, potrebbe essere preferito un sistema a fibra ottica, come APACHE Fiber, particolarmente adatto alla protezione di siti con presenza di atmosfere corrosive, infiammabili o esplosive in quanto la fibra ottica non può essere causa di incendio (Grado IP55).

Come secondo layer di protezione volumetrica invisibile all’interno del perimetro, è consigliato installare un sistema ultra-affidabile, come una barriera bi-statica a microonde. ERMO 482X3 PRO garantisce il più alto livello di efficienza e un tasso di falsi allarmi vicino allo zero (Grado IP66). Nel caso in cui il requisito da rispettare sia una cautela extra anti-esplosione, ERMO 482X PRO è disponibile anche in versione speciale certificata ATEX 94/9/EC.


maggiori informazioni su:
www.cias.it



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2021

Privacy Channel

Webinar

Ethos Academy

  • Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza
    Corso specilistico in 4 sessioni:
    10, 17, 24 febbraio
    3 marzo 2022

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Coronavirus e comparto sicurezza