domenica, 24 gennaio 2021

News

Business & People

Riconoscimento facciale, impennata nei prossimi 5 anni

24/12/2020

Northbrook, Il (USA) – Saranno gli investimenti da parte dei Governi e dei dipartimenti della Difesa a trainare lil mercato del riconoscimento facciale, che entro il 2025 raggiungerà un giro d’affari di 8,5 miliardi di dollari, dagli attuali 3,8. Una crescita con un CAGR pari al 17,2%. Le stime provengono dall’ultimo report pubblicato da Marketsandmarkets, “Facial Recognition Market - Global Forecast to 2025”.

Anche il settore della videosorveglianza, in costante crescita, in particolare nel Nord America e in Europa, nei prossimi anni potrebbe avere un ruolo determinante in questo trend positivo, incentivando le imprese a implementare o a sviluppare soluzioni di riconoscimento facciale. Gli investimenti sostenuti per la dotazione di nuove tecnologie in ambito governativo rimangono comunque il principale fattore di sviluppo di questo mercato.  La tecnologia è un’importante alleata nelle indagini penali e facilita la rapida identificazione dei criminali. Le applicazioni al servizio delle forze dell'ordine, dell’esercito e della difesa, finalizzate alla sicurezza del territorio nazionale e regionale, insieme costituiscono circa il 60% del volume di affari del mercato delle tecnologie di riconoscimento facciale. Questa tendenza, secondo gli analisti di Marketsandmarkets, proseguirà durante il periodo oggetto di analisi. 

I software per il riconoscimento facciale, poiché consentono l’identificazione in modo rapido e semplice, in base alle caratteristiche del viso, facilitano numerosi processi come il monitoraggio delle presenze e il controllo accessi. I software si suddividono in tre distinte tipologie: strumenti per il riconoscimento facciale 2D, riconoscimento facciale 3D e analisi facciale. In questa fase, il riconoscimento 3D, che è in grado di rilevare e identificare con precisione anche espressioni e posizioni del volto, sta guadagnando terreno con gli utenti finali e si prevede che crescerà più rapidamente degli altri segmenti. Negli ultimi dieci anni, si legge nel report, molti dei principali attori tecnologici hanno esplorato le potenzialità del riconoscimento facciale, acquisendo società che operano in questo campo per aggiungere valore ai propri servizi. Basti pensare a giganti come Microsoft, Amazon e Google.

Qual è stato l’impatto del Covid-19? La risposta è sotto gli occhi di tutti. Con l'epidemia, la richiesta di tecnologie di riconoscimento biometrico, come quello facciale, è aumentata, soprattutto nelle applicazioni di alta sicurezza, perché permette di verificare se i soggetti indossano la mascherina. Nel contempo, però, la difficoltà del riconoscimento di volti con mascherina ha reso necessario modificare o aggiornare gli algoritmi esistenti, che si basano su elementi come iride, pupilla, palpebre, colore della pelle, rughe, pori ecc. Le forze dell'ordine, documenta il report di Marketsandmarkets, stanno investendo nella ricerca e sviluppo di tecnologie avanzate. Per esempio, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, citato dagli analisti, prevede di investire circa 2 miliardi di dollari in tecnologie basate sull'intelligenza artificiale, come il riconoscimento facciale.

 

 


maggiori informazioni su:
https://www.marketsandmarkets.com



Tutte le news