lunedì, 10 agosto 2020

News

Eventi

Secsolutionforum ed Ethos Academy, pillola formativa: la Norma CEI 64-8 e gli interruttori differenziali

28/04/2020

MILANO – Sebbene l’emergenza Coronavirus sovverta regole e abitudini di vita e di lavoro, Secsolutionforum ed Ethos Academy, insieme, rimangono al fianco dei professionisti del comparto sicurezza offrendo utili opportunità di approfondimento con le pillole formative a cura degli esperti di Ethos Academy. Gli operatori hanno in questo modo la possibilità di tenersi aggiornati online, in maniera continuativa, nell’attesa di partecipare al prossimo secolutionforum live, a partecipazione gratuita.

Nella scelta dei temi delle pillole formative on line si è preso spunto dalle domande più ricorrenti rivolte ai docenti, durante i corsi di formazione svolti in tutta Italia. Giovanni Scotti, ingegnere, progettista di impianti elettrici e fotovoltaici, formatore e docente Ethos Academy, risponde al seguente quesito: come funzionano i cosiddetti “salvavita”? Quali sono le prescrizioni della norma CEI al riguardo?

Gli interruttori differenziali (denominati anche salvavita), che vengono installati ormai da un trentennio a questa parte nei quadri elettrici, sono apparecchi che garantiscono la sicurezza delle persone. Di seguito spieghiamo in modo semplice e rapido il principio di funzionamento di un “differenziale”, che è costituito internamente da un toroide magnetico con 3 avvolgimenti: quando la corrente che passa nell'avvolgimento 1 è pari a quella che passa nell’avvolgimento 2, si stoppa nell'avvolgimento secondario 3 (collegato al meccanismo di sgancio); se, invece, la corrente che attraversa l'avvolgimento 1 è superiore a quella dell'avvolgimento 2 o il contrario, si crea un flusso magnetico nel toroide che genera tensione elettrica al capo dell'avvolgimento 3. In questo modo si attiva il meccanismo di sgancio che attiva l'interruttore facendolo “scattare” e chiudere il passaggio di corrente. Un esempio di intervento da parte dell’interruttore differenziale si ha quando, in caso di deterioramento della guaina di un cavo, la parte conduttrice sotto tensione entra in contatto con una carcassa metallica di un utilizzatore collegata all’impianto di messa a terra. Se si tocca la carcassa metallica dell’utilizzatore si provoca l’intervento dell’interruttore in un tempo tale da far sì che la corrente che attraversa il corpo umano non provochi danni.

La Norma CEI 64-8 prescrive la suddivisione in parallelo dei circuiti terminali su almeno 2 interruttori differenziali. È importante garantire la continuità del servizio con un numero minimo di interruttori differenziali, in modo tale che, in caso di guasto, almeno una parte dell’impianto resti sempre attiva. La massima selettività orizzontale, ovviamente, si ottiene utilizzando un interruttore differenziale separato per ogni circuito. Installando “differenziali” per ogni circuito si garantisce la massima continuità del servizio. È importante garantire anche la selettività verticale che è la condizione di coordinamento fra due interruttori differenziali collegati in serie in modo che, in caso di guasto, sul sottocircuito a valle di entrambi di essi, solo l’interruttore differenziale più a valle dei due intervenga, garantendo la continuità di alimentazione ad altri eventuali sottocircuiti.

La Norma CEI 64-8 consiglia, inoltre, l’utilizzo di differenziali di tipo A adatti a rilevare indifferentemente sia correnti differenziali di tipo alternato, sia correnti differenziali di tipo unidirezionale pulsante, che si possono avere con alcuni apparecchi dotati di circuiti elettronici di potenza. Inoltre, raccomanda l’utilizzo di differenziali ad elevata immunità contro gli scatti intempestivi o dotati di riarmo automatico.

Le altre pillole formative online:

Il requisito operativo nel videocontrollo; 

Collegare la centrale di allarme all’impianto elettrico;

La dichiarazione di conformità, i riferimenti da seguire; https://www.secsolution.com/notizia.asp?id=11917&c=2

Le differenze tra “sopralluogo dell’area” e “sopralluogo tecnico.

Nell’ambito di secsolutionforum Scotti terrà un seminario dedicato alla Norma CEI 64-8.

Per approfondire, puoi iscriverti a secsolutionforum. Continuiamo a raccogliere iscrizioni al seguente link:

https://www.secsolutionforum.it/registrazione.asp  

Seguici anche su:

https://www.facebook.com/secsolutionforum 

 



Tutte le news

Coronavirus e comparto sicurezza
Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2020

INTERACTIVE LIVE STREAMING
23-24-25 settembre 2020

Formazione privacy

  • Videosorveglianza e privacy: tecnologie, GDPR, videosorveglianza, cosa cambia?
    Validato da TÜV Italia
  • 10 domande sulla Privacy
    Validato da TÜV Italia

Formazione Norme CEI

  • Norma CEI 64-8: Criteri di prestazione dell'impianto elettrico
    Validato da TÜV Italia
  • Realizzi un impianto antintrusione secondo la norma?
    Validato da TÜV Italia
  • Norme CEI: Analisi e valutazione del rischio
    Validato da TÜV Italia

Formazione Antincendio

  • Il nuovo Codice di Prevenzione incendio

Formazione Responsabilità

  • Obblighi e responsabilità per gli operatori della videosorveglianza
    Validato da TÜV Italia

Formazione Commerciale

  • Vendere Sicurezza - Prima e dopo il Covid: come è cambiata la vendita

Formazione Manageriale

  • Welfare aziendale: come costruire un piano di successo

Videsorveglianza Urbana integrata

  • Per Operatori della Pubblica Amministrazione
    23 settembre, 9:00-12:30

Privacy Channel

Ethos Academy

  • Nuova data Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza
    Bologna, 29-30 Ottobre

Tecniche di vendita

Vitekna

  • Vendere sicurezza 2.0: dopo il Covid-19 come cambia la vendita
    Cercola (NA), 3-10-17 ottobre

Vigilo4You - Vigilanza Group

  • Vendere sicurezza oggi
    Brescia, data in definizione

Pillole formative

DST
Norme CEI sistemi videosorveglianza

  • Cologno Monzese (MI)
    data in definizione

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »