mercoledì, 21 ottobre 2020

News

Coronavirus e comparto Sicurezza

Videosorveglianza Urbana Integrata e Covid-19 nel Comune di Caorle

15/04/2020

Caorle (VE) - In questo drammatico frangente gli Italiani hanno riscoperto, con colpevole ritardo, rispetto e ammirazione per la divisa: dal camice del medico all'uniforme delle forze dell'ordine. Alla Polizia Locale è demandato un ruolo chiave per garantire il rispetto delle prescrizioni di sicurezza e lo stesso utilizzo delle tecnologie per la protezione del territorio è oggi finalizzato anche a preservare salute e benessere della collettività. Ethos Media Group, nel suo ruolo di collegamento tra istituzioni e tecnologie per la protezione del territorio, ha intervistato i Comandanti delle Polizie Locali di alcuni Comuni per fare il punto della situazione.


“La videosorveglianza è un supporto essenziale”: intervista al Comandante del Corpo di Polizia Municipale di Caorle, Commissario Capo Cav. Armando Stefanutto 


 Come controllate gli spostamenti dei cittadini?

Controlliamo gli spostamenti dei cittadini nel modo più classico, attraverso posti di controllo posizionati in aree strategiche del territorio, mediante controllo dinamico con pattuglie in movimento ed utilizzando tutti gli strumenti tecnologici a disposizione, come i portali dotati di telecamere con lettura targhe, attraverso i quali facciamo uno screening degli accessi e poi li confrontiamo, intrecciando i risultati con le banche dati ministeriali (Motorizzazione, PRA, CED interforze) e comunali (anagrafe e tributi). Stiamo utilizzando anche un drone per il controllo aereo dei parchi, delle spiagge, delle ciclabili, e di tutte le aree di difficile accesso o che comunque si prestano ad un controllo dall’alto. Il drone viene anche utilizzato per diffondere messaggi alla popolazione e invitarla a restare a casa.


Quale ruolo può giocare la videosorveglianza?

La videosorveglianza è diventata ormai un supporto essenziale alle nostre attività, sia che si tratti di controllo del territorio, sia che si tratti di attività di prevenzione o di attività di indagine di polizia giudiziaria, stradale o ambientale.

In questa materia la tecnologia ha fatto dei progressi importanti e l’uso della stessa può risultare fondamentale anche per il controllo della diffusione del contagio da SARS-CoV-2 nell’attuale emergenza sanitaria e nella gestione della fase di rientro nella normalità della vita. 
Penso soprattutto all’utilizzo delle termocamere per il controllo degli accessi a luoghi o edifici pubblici o al controllo di aree destinate anche temporaneamente ad ospitare afflussi importanti di persone per lo svolgimento di eventi o altro. Penso ai droni ed alle telecamere dotate di dispositivo OCR per il riconoscimento delle targhe dei veicoli, strumenti molto utili per il controllo del rispetto delle misure di contenimento, come già evidenziato, o alle telecamere dotate di software di riconoscimento facciale, che potrebbero essere impiegate per verificare il rispetto delle misure di isolamento di soggetti infetti o potenzialmente tali. Ma qua, credo, ci sia ancora molta strada da fare al fine di trovare il giusto equilibrio fra il rispetto della privacy delle persone e la salvaguardia della salute della collettività.

 



Tutte le news