martedì, 26 maggio 2020

News

Coronavirus e comparto Sicurezza

Coronavirus e mercato della sicurezza: progettare il “dopo” secondo Arteco Global

09/04/2020

Faenza (RA) - Il Coronavirus ha segnato uno spartiacque tra prima e dopo il 23 febbraio. Da lì è storia, una storia che scriviamo giorno dopo giorno e di cui non sappiamo il finale. Quello che è chiaro è che il mondo come lo conoscevamo prima non esisterà più: dovremo riscriverlo noi. Il comparto sicurezza è solido, si adatta alle nuove emergenze e si prepara al "dopo". Un "dopo" che tutti siamo chiamati a disegnare mettendo a fattor comune professionalità, intelligenze e knowhow. Abbiamo intervistato alcuni operatori per un primo brain storming.


“Parola d'ordine: restare uniti”, intervista a Giampaolo Sabbatani, CEO di Arteco Global


Come vi siete riorganizzati per gestire l’emergenza?

Fortunatamente Arteco risulta tra le aziende che possono mantenere l’operatività. Perciò riusciamo a supportare e assistere tutte le nostre filiali nel mondo e, ovviamente, i nostri clienti in Italia. Ciononostante, immaginando di arrivare al lockdown, ci eravamo organizzati qualche settimana prima dell’effettiva ufficializzazione, impostando tutte le attività eseguibili da remoto in modalità smart working. Chiaramente l’attività commerciale, comportando visite ai clienti o supporto nei sopralluoghi, non è eseguibile. Tuttavia abbiamo riscontrato alto interesse e numerosa partecipazione ai webinar che abbiamo organizzato e stiamo svolgendo per presentare le nostre nuove soluzioni.


Quali sono le sue previsioni e le aspettative per il post Coronavirus?

Riteniamo che purtroppo la ripresa non sarà così repentina come invece è stata la chiusura delle attività. Molti progetti sono stati sospesi a tutti i livelli, sia in ambito pubblico che privato, in ogni parte del mondo. Anche paesi in cui la situazione appare ancora sotto controllo (es. Messico, Argentina, Sud Africa) hanno prudentemente deciso di prendere da subito le dovute precauzioni, di fatto introducendo un lockdown preventivo. A motivi di carattere prettamente operativo (stop di tutte le attività) se ne aggiungeranno presto altri di carattere finanziario, che di fatto richiederanno di riconsiderare alcuni investimenti.


Di quale messaggio secsolution.com potrebbe farsi portavoce?

Ogni azienda è una piccola o grande squadra, così come ogni nazione. È noto che quanto più una squadra sa restare corta e unita, tante più possibilità avrà di essere efficace e vincente e sprigionare potenza. Ritengo che mai come prima d’ora il messaggio da veicolare sia quello di impegnarsi a favorire il reciproco supporto del Made in Italy. Ognuno, nel proprio piccolo ed in ogni settore, davanti alla scelta di più prodotti e soluzioni, dovrebbe privilegiare le aziende che possono dare un reale contributo al rilancio del nostro paese. Restare uniti significa anche questo.

 



Tutte le news