martedì, 26 marzo 2019

News

Business & People

Colosseo, telecamere termiche e sistemi antintrusione: un bando da 7 milioni di euro

20/12/2018

ROMA - Si basa integralmente sulla videosorveglianza il piano sicurezza per la tutela del Parco Archeologico Centrale di Roma: sette milioni di euro per l’intervento presentato la scorsa settimana nel corso di una conferenza stampa.

Saranno adottate le migliori tecnologie sia contro possibili attentati ma anche contro i turisti vandali che, purroppo quotidianamente, danneggiano il patrimonio culturale, in particolare all'interno del Colosseo.

Nuovi sistemi di allarme saranno installati agli ingressi e nelle zone dedicate a eventi in tutta l'area archeologica centrale: dal Foro romano al Palatino, dalla Domus aurea e soprattutto all'Anfiteatro Flavio.

Più in dettaglio, saranno installati 500 telecamere termiche e nuovi sensori, La realizzazione del piano sicurezza sarà affidata tramite bando a inizio del prossimo anno. "Il notevole flusso di visitatori e la forte valenza simbolica rendono questo luogo un obiettivo sensibile e per questo oggetto di particolare attenzione da parte del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza", ha spiegato la direttrice Alfonsina Russo, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato anche il vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale, Luca Bergamo, del prefetto di Roma, Paola Basilone, e del ministro dei Beni e delle Attività culturali, Alberto Bonisoli.

"L'obiettivo – ha proseguito Russo – è di innalzare il livello di sicurezza non solo per tutelare i beni, ma anche per sviluppare una più  ampia politica di valorizzazione di una delle aree più visitate al mondo, con la riapertura di monumenti oggi chiusi, possibile proprio attraverso un accorto sistema antintrusione. Del resto quotidianamente sequestriamo tantissime armi da taglio".

Per realizzare il nuovo impianto di sicurezza basato sulla videosorveglianza sarà necessario almeno un anno. Il ministro Alberto Bonisoli ha ricordato l'investimento di "109 milioni di euro, risorse per mettere a norma diversi luoghi della cultura e adeguarli in tema di prevenzione antincendio".

Il sistema di "videosorveglianza potrebbe essere inserito in un più vasto progetto di videosorveglianza di tutta la città di Roma con già 1.000 telecamere interconesse", ha infine sottolineato il prefetto Paola Basilone.

 

 

     



pagina precedente