martedì, 24 aprile 2018

Interviste

Dalla prima telecamera IP alla videosorveglianza "proattiva" di Axis 3.0

Intervista ad Andrea Monteleone, National Sales Manager di Axis Communications

15/09/2017

“Forse il primo e più dirompente trend è proprio quello del declino della videosorveglianza stessa, intesa come strumento di dissuasione e di analisi a posteriori”. Dirompente, come le parole di Andrea Monteleone, National Sales Manager di Axis Communications, che guarda avanti, alla “migrazione verso sistemi sempre più articolati e aperti, dove tutto dialoga con tutto e dove la vera ricchezza non sarà più il filmato dell’evento a scopi di analisi forense, per fare un esempio, ma la mole di informazioni che si potranno sfruttare per anticipare i problemi ed agire in anticipo.”

A pochi giorni dal “The Axis Way - Smart Innovation Lab”, in programma il prossimo 21 settembre, a Milano, abbiamo incontrato il manager  per raccogliere la sua visione sul presente e il futuro della videosorveglianza, sullo sviluppo di alcune tecnologie, come la video analitica, e sull’evoluzione di Axis.

Quali input vi hanno guidato nella progettazione delle novità lanciate di recente? In quale direzione orienterete la ricerca nei prossimi mesi?

Axis si è sempre distinta, sin dalle origini, per la sua naturale vocazione alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni innovative e all’avanguardia, sotto ogni punto di vista. Basti pensare alle nuove rivoluzionarie telecamere P1367-E e P1368-E. Se ci focalizziamo, invece, sui termini più generali, l’approccio “Axis 3.0” è la nostra risposta alla richiesta di sistemi sempre più complessi ma, al contempo, gestibili e flessibili, e si muove nella direzione della totale interoperabilità e integrazione. Axis non è più una realtà concentrata solo sull’oggetto telecamera, in tutte le sue varianti: stiamo di fatto ampliando e rendendo sempre più trasversale quanto già fatto anni fa con la prima telecamera IP al mondo, stiamo creando un ecosistema di soluzioni basate su protocolli standard e con interfacce di comunicazione coerenti. Inoltre, l’attenzione sarà sempre più rivolta all’informazione. I Big Data Analyst e gli algoritmi di Artificial Intelligence, per poter capire e apprendere rispettivamente, hanno bisogno di dati, che noi siamo in grado di produrre tramite le nostre analitiche. Il mercato Retail è solo uno degli innumerevoli esempi in questo senso.

In Axis è fortemente sentito il tema della cybersecurity. Quali sono a suo avviso le strategie che le aziende del comparto devono adottare per sensibilizzare operatori e utilizzatori, e rendere i dispositivi di sicurezza over IP meno permeabili agli attacchi informatici?

Il tema è complesso, in costante mutamento e di certo ogni attore coinvolto nella filiera, dal Vendor all’Utilizzatore, ha una parte di responsabilità. Partendo dall’assunto che non esista un dispositivo totalmente inattaccabile, ciò che a mio avviso è indispensabile per mitigare questi rischi è una grande attenzione alla progettazione dei sistemi, un’oculata scelta dei componenti software e hardware e, fondamentale, una enorme dose di formazione e consapevolezza, a tutti i livelli. Molti degli attacchi di cui si è sentito parlare anche recentemente, sulla stampa specializzata e non, sono stati resi possibili da leggerezze in fase di installazione o configurazione piuttosto che da vulnerabilità intrinseche dei dispositivi stessi.

Avete puntato molto sulle tecnologie di analisi video. Retail, Smart City... quali sono i verticali in cui questi sistemi troveranno, a breve termine, maggiori possibilità applicative?

Il mondo delle analitiche e delle relative applicazioni è in fermento da tempo e il dove queste verranno o potranno essere utilizzate è limitato dalla sola fantasia. Il continuo aumento della potenza computazionale sui dispositivi edge, così come l’incredibile capacità delle appliance che vengono lanciate sul mercato, stanno creando nuovi scenari di indubbio interesse. I verticali citati, Retail e Smart City, saranno indubbiamente i motori di questa evoluzione.

Nel caso del Retail, questo tipo di approccio è fondamentale per meglio profilare la clientela, rispondere con maggiore rapidità al fluttuare della richiesta e per monitorare il ritorno sulle campagne di vendita. Nel caso delle Smart City, i temi di fondo saranno le esigenze legate alla mobilità e alla sicurezza. Un altro filone che ritengo molto interessante è quello delle applicazioni in infrastrutture critiche o industriali complesse, ad esempio con analisi comportamentale e rilevazione di anomalie sonore.

Una sua riflessione sugli altri trend emergenti nell’ambito della videosorveglianza e su come vede il futuro della sicurezza.

Forse il primo e più dirompente trend è proprio quello del declino della videosorveglianza stessa, intesa come strumento di dissuasione e di analisi a posteriori. Continuare a pensare alla videosorveglianza come sistema a sé stante è anacronistico e controproducente. Quello che posso immaginare, come naturale evoluzione della situazione attuale, è la migrazione verso sistemi sempre più articolati e aperti, dove tutto dialoga con tutto e dove la vera ricchezza non sarà più il filmato dell’evento a scopi di analisi forense, per fare un esempio, ma la mole di informazioni che si potranno sfruttare per anticipare i problemi ed agire in anticipo.

Dai prodotti alle soluzioni, da una videosorveglianza reattiva a una proattiva. Negli ultimi anni Axis si è impegnata perché questi obiettivi non rimanessero semplici slogan, con quali risultati?

Direi che i risultati sono alquanto incoraggianti. Le performance di Axis relative al primo semestre dell’anno, recentemente pubblicate, sono eccellenti e sono state accolte con entusiasmo dagli stakeholder, segno che il mercato ha colto il messaggio e lo sta facendo suo. Come sempre accade, l’adozione di nuove tecnologie e, in questo caso, il cambiamento di paradigma in atto, comportano tempi di adozione che non sono immediati, ma sono certo che lo sforzo profuso da Axis e da tutti i suoi Partner di canale porterà a risultati ancora più entusiasmanti.


www.axis.com

 



pagina precedente