giovedì, 26 aprile 2018

Interviste

BETA CAVI: quando la sicurezza si fonda sul cavo

Intervista ad Andrea Francesco Moneta, Responsabile Commerciale & Marketing Italia di Beta Cavi

22/06/2017

Spesso sottovalutato dall’utente finale, ma non da produttori di apparati e professionisti della sicurezza, il cavo è un elemento chiave di interconnessione nei sistemi di videosorveglianza, sia in termini di affidabilità e performance dell’impianto sia per la sua resistenza. Come si sta trasformando il settore dei cavi alla luce delle nuove tecnologie?

Delle tendenze emergenti nel cablaggio dei sistemi TVCC abbiamo parlato con Andrea Francesco Moneta, Responsabile Commerciale & Marketing Italia di Beta Cavi. Questa è stata un’occasione per ripercorrere i successi dell’azienda nel nostro paese e all’estero – in particolare, in Brasile, dove Beta Cavi si sta affermando come leader di mercato – e per anticipare le novità da poco introdotte e quelle prossime al lancio.

I progressi tecnologici che hanno interessato la videosorveglianza, dalla definizione delle immagini alle tecnologie di compressione, come hanno inciso sul settore dei cavi? Quali le tendenze emergenti nell’ambito del cablaggio di sistemi TVCC?

La videosorveglianza analogica in alta risoluzione è stata la chiave di svolta per rimescolare le carte e dettare legge sulle nuove tecnologie. Nonostante l’IP abbia compiuto passi da gigante nel semplificarne l’installazione e la fruibilità per l’utenza, non è riuscito a contrastare il predominio analogico:  per questo motivo, il cavo coassiale per sistemi di videosorveglianza sta vivendo una vera e propria rinascita. La spiegazione è piuttosto semplice: non esiste altro mezzo più idoneo ed economico del cavo coassiale per distribuire segnali analogici, in qualunque formato essi siano, AHD, HDTVI, HDCVI o HDSDI. Sicuramente assisteremo a un ulteriore progresso dell’IP nei prossimi anni, ma questo si verificherà in ambito residenziale prima ancora che nella sicurezza.

A suo avviso, nel settore della sicurezza e in particolare della videosorveglianza l’Italia rispecchia l’evoluzione che si registra nei mercati esteri oppure nel nostro paese si osservano dinamiche differenti?

Se parliamo di Europa, sulla base della mia esperienza ritengo che i paesi siano tutti molto allineati, sia in termini di tecnologia impiegata sia per ciò che concerne la penetrazione e l’impiego stesso di sistemi per il monitoraggio.

Dall’altra parte dell’emisfero, in America del sud ad esempio, la situazione è molto più frastagliata, nonostante l’analogico rappresenti ancora, in tutti i paesi, la percentuale più elevata.

A proposito di mercati esteri, negli ultimi anni avete rafforzato significativamente la vostra presenza in diversi paesi e avete avviato un progetto ambizioso di espansione proprio in Sud America, tramite una consociata in Brasile. Quali risultati avete raggiunto finora? I prossimi step?

Abbiamo iniziato nel 2013 con l’HD TOUR questa avventura in America Latina che, con l’edizione di Exposec 2017, tenutasi a San Paulo nel mese di maggio, ci ha consacrato leader di mercato in Brasile. Abbiamo avuto la possibilità di guardare oltre, ci abbiamo creduto e i nostri partner con noi. Siamo solo agli inizi, ma ci sono tutte le condizioni per proseguire in questa attività. Stiamo attualmente sondando altri paesi e studiano nuove strategie.

E per l’Italia quali obiettivi vi ponete per i prossimi mesi e con quali strategie intendete raggiungerli?  

In Italia presenteremo una serie di prodotti nuovi, sviluppati ad hoc per il mercato italiano, e proseguiremo sulla strada della formazione, al fine di divulgare la cultura dei sistemi, unitamente alla conoscenza degli aspetti normativi. L’obiettivo è consolidare la nostra presenza sul territorio e continuare ad essere il punto di riferimento per affidabilità ed innovazione.

Nel 2016 avete introdotto sul mercato una nuova generazione di cavi armati. A quali esigenze avete risposto con questa innovazione?

I cavi armati, serie ARM, sono nati soprattutto dall’esigenza del mercato di utilizzare cavi molto più resistenti sia in ambito petrolifero che per posa in ambienti ostili, con presenza di roditori. Oltre alla resistenza alla trazione, infatti, i cavi armati sopperiscono alla necessità di impiegare prodotti molto più resistenti ed idonei per impieghi gravosi.

Per immettere sul mercato cavi in grado di soddisfare le reali esigenze degli addetti ai lavori, avete operato strette sinergie con importanti player del settore video; avete stretto (o intendete stringere) sinergie con operatori di altri segmenti, es. incendio?

Tutti i cavi che produciamo, per la videosorveglianza come per i sistemi di allarme o automazione cancelli, vengono sviluppati in collaborazione con i principali produttori di apparati, ciascuno leader nel proprio settore: soltanto comprendendo la reale necessità dell’utenza possiamo risolvere i problemi o migliorare l’impiego e le performance degli stessi cavi. Anche in ambito antincendio, infatti, i cavi della serie FRHRR sono stati realizzati secondo gli standard trasmissivi dei principali produttori di apparati, come per esempio BOSCH , NOTIFIER e SIEMENS.

Quali sono i plus dei cavi di vostra produzione? 

L’affidabilità e le alte performance costituiscono indiscutibilmente la forza dei nostri prodotti, al punto che gli stessi produttori di apparati ci interpellano al fine di lavorare in sinergia. Lo scopo è quello di assicurarsi che l’infrastruttura sia la più idonea possibile per garantire il corretto funzionamento del sistema e la sua longevità.

A quali progetti e novità di prodotto state lavorando attualmente? 

Stiamo lavorando su protocolli KNX in quanto membri del Comitato KNX Italia; pertanto siamo attualmente concentrati su sistemi domotici, per poi proseguire in ambito industriale con lo sviluppo di linee di interconnessione per sistemi BUS. Inoltre, abbiamo da poco lanciato un nuovo cavo per sistemi di video sorveglianza su IP, denominato appunto HDIP, che permette il collegamento tra apparati a 200 metri di distanza, senza l’ausilio di switch a metà tratta.

http://www.betacavi.com/

 



pagina precedente