giovedì, 17 ottobre 2019

Articoli

Logistica: centralizzare gli allarmi con intelligenza artificiale

03/10/2019

di Giuseppe Mazzarino - Responsabile Tecnico Electronic’s Time

“Tra le principali criticità di security dei centri logistici si annoverano l’alto numero di punti di distribuzione, che comporta il controllo a distanza dei siti e della merce immagazzinata, oltre alla gestione dei numerosi mezzi di trasporto che H24 trasferiscono le merci tra i diversi depositi. Le consegne implicano la necessità di una gestione e di un monitoraggio puntuale dei perimetri e degli accessi dei vettori in entrata/uscita, con verifica a distanza delle operazioni di carico-scarico.

Una risposta possibile per gestire gli impianti di sicurezza è l’implementazione di un sistema di centralizzazione flessibile, scalabile e aggiornabile per supervisionare e gestire le diverse tipologie di segnalazioni provenienti dalla sensoristica degli impianti di sicurezza del centro e dalle filiali distribuite sul territorio. Includendo anche i mezzi di trasporto, gli operatori della centrale operativa interna al centro logistico possono interagire facilmente, attraverso un cruscotto dotato di interfaccia GUI, con l’interscambio dei dati tra dispositivi e apparecchiature elettroniche per il controllo degli accessi, sistemi antintrusione/antifurto/antirapina, sistemi antincendio e tutti gli apparati e il sistema di Video Management e che contribuiscono alla protezione H24 dell’intera organizzazione logistica.

Videoverificare gli allarmi

Un sistema di centralizzazione evoluto permette la videoverifica degli eventi di allarme: anomalie, stati impianto e qualsiasi altro tipo d’informazione ricevibile tramite i diversi protocolli utilizzati nell’ambito dei sistemi di sicurezza fissi e mobili. Attraverso la connessione ai più diffusi VMS, la videoverifica agevola il riconoscimento di un evento di allarme. Ad esempio, l’operatore, in seguito alla ricezione di una segnalazione d’intrusione proveniente da un sensore periferico o, tramite le più evolute funzioni di videoanalisi, può teleosservare le immagini in presa diretta e di pre/post allarme provenienti dalle telecamere che coprono la zona in cui si è generato l’evento, adottando le più idonee contromisure. Le trasmissioni cifrate, il controllo continuo dell’esistenza in vita degli impianti supervisionati, con l’interscambio tra i più diffusi vettori di trasmissione, insieme alla copertura ADSL/Internet, rendono estremamente affidabile il sistema. 

L’AI nei sistemi di centralizzazione

Ma la novità più interessante consiste nell’integrazione nativa a livello software di una serie di funzioni derivate dagli algoritmi di intelligenza artificiale applicabili anche al sistema di centralizzazione. I meccanismi che stanno alla base del riconoscimento facciale (algoritmi di face recognition), tramite telecamere intelligenti oppure tramite VMS, producono e isolano una serie di fotogrammi con i volti dei soggetti inquadrati, archiviando i dati estrapolati in un database protetto integrato nel sistema di centralizzazione. Quindi, nel gestire un sistema di controllo accessi, l’operatore, agendo in remoto da centrale operativa, può fare un confronto immediato con il database dei volti prememorizzati, quindi permettere ai soggetti riconosciuti l’accesso ad una determinata area del centro distribuzione, senza dover rilasciare ulteriori autorizzazioni.

La ronda per la logistica

E’ possibile rendere più performante il tradizionale servizio di ronda. L’abbiamo sperimentato in un centro per stoccaggio e distribuzione di prodotti alimentari esteso su 50.000 mq e dotato di vari impianti tecnologici (tracciamento GPS e allarmi antirapina per i mezzi di trasporto) e di sicurezza (antintrusione, antifurto, controllo accessi, antincendio e TVCC) a protezione anche delle numerose filiali. Il vigilante, con il proprio smartphone dotato di chip NFC, durante il pattugliamento scansiona una serie di tag RFID collocati lungo il tragitto, emulando in chiave moderna il classico servizio di punzonatura. Un’APP memorizza e trasmette alla centrale operativa i dati sul percorso, allegando messaggi di testo e foto scattate in tempo reale. I dati ricevuti vengono sincronizzati con il sistema di centralizzazione. 


maggiori informazioni su:
www.electronicstime.it



Tutti gli articoli

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2019

Privacy Channel

Ethos Academy
Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza

  • Bologna
    21-22 febbraio 2020

Workshop di approfondimento

Bettini, Videosorveglianza Urbana

  • San Leo (RN)
    mercoledì 23 ottobre

Pillole formative

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Rimani aggiornato sulle nuove normative