lunedì, 24 giugno 2019

Articoli

AI: la tecnologia che cambia la tecnologia

22/05/2019

di Massimiliano Troilo - General Manager Hikvision Italy

People counting, face recognition, analisi comportamentale, soluzioni per il traffico, il retail o le smart city: le applicazioni dell’intelligenza artificiale nel mondo della videosorveglianza sembrano illimitate. Dati sempre più dettagliati, fruibili e incrociabili permettono del resto di fornire risposte sempre più rapide ed efficienti, di ottimizzare i servizi, di generare nuovo business. E la videosorveglianza – e la stessa sicurezza – sono solo un punto di partenza che apre un mondo di nuove opportunità. 

Ho letto che le applicazioni AI per la security fisica sarebbero ancora limitate perché siamo lontani dal parlare di sistemi di sicurezza così intelligenti da prendere in autonomia delle decisioni in completa sostituzione dell’uomo. In verità non credo che il fatto di prendere autonomamente decisioni sia il punctus al momento: potrebbe al massimo esserlo per funzioni estremamente semplificate. L’idea è oggi quella di eliminare una lunga serie di richieste di intervento dell’operatore su eventi non significativi, quindi di coinvolgere l’uomo solo quando sia realmente necessario. Il tutto fornendo all’operatore tutti gli elementi utili per prendere delle decisioni circostanziate e contestualizzate. 

Non solo dati

Il vero apporto funzionale dell’intelligenza artificiale è quindi la possibilità di fornire informazioni (cioè dati preselezionati e già elaborati in modo da essere utili a prendere decisioni immediate) invece di fornire dati grezzi, che richiedono cioè un ulteriore processo di analisi ed elaborazione. E siamo ancora all’inizio di quello che l’Intelligenza Artificiale potrà fare per questo ed altri comparti. 

Il bello deve venire

Oggi stiamo infatti vivendo la fase embrionale: saranno i prossimi anni a dirci davvero come e quanto l’AI contribuirà al miglioramento delle performance e alle soddisfazione delle esigenze e richieste (che a loro volta aumenteranno con l’aumentare delle performance e della tecnologia). La strada è ancora lunga: per ora l’industria si concentra sulla possibilità di estrarre molte più informazioni e di organizzarle e codificarle al meglio, ma più avanti avremo a disposizione apparati che si migliorano giorno dopo giorno, che autoapprendono e che contribuiscono a migliorare altri dispositivi condividendo le proprie “esperienze”. Gli scenari sono ancora tutti da scrivere. 

Target attuale

Il mercato che oggi si mostra più interessato all’AI è quello di fascia più alta: del resto le soluzioni che ad oggi beneficiano di questa tecnologia rientrano ancora nella fascia molto alta, in genere dei top di gamma. Altrettanto ampi sono però i benefici offerti da questa tecnologia ed i campi di applicazione - che possono andare ben oltre quello che è l’attuale perimetro della “security”. Qualche esempio? La possibilità di cambiare il behaviour rispetto allo stato del sistema permetterà di avere funzionalità aggiunte, darà la possibilità di raccogliere informazioni, comportamenti e consuetudini che contribuiranno ad un costante miglioramento delle performance.

Nella sfera di cristallo

Quello che davvero infatti rileva è che l’intelligenza Artificiale è una tecnologia che cambierà la tecnologia stessa: in tempi non troppo lontani saranno disponibili sensori e device che cambieranno comportamento a seconda dello stato del sistema e che saranno in grado di fornire informazioni codificate per essere immediatamente fruibili e pronte all’uso.
In futuro gli algoritmi ed i relativi device si arricchiranno di nuove capacità e nuove potenzialità: ogni macchina contribuirà all’evoluzione delle altre in un processo inarrestabile di miglioramento delle performance, dell’affidabilità e dell’accuratezza. In questo processo c’è da scommettere che cloud e intelligenza distribuita giocheranno un ruolo chiave.
A quel punto tutto cambierà.

Cambierà tutto

Ma non sarà solo questione di AI: è già oggi questione di seguire i trend tecnologici ed il mercato che cambia, la convergenza dei sistemi e la velocità di innovazione che abbraccerà a quel punto tutto il settore - non solo il video, ma anche segmenti che sino ad oggi non ne sono stati toccati. 

Non per tutti

Il futuro non sarà forse per tutti, ma ci sarà spazio anche per nuove startup, ad esempio piccole o medie imprese ad alto contenuto tecnologico che svilupperanno applicazioni specifiche in partnership tecnologica con i player dell’industria della sicurezza fisica. Ma aldilà della scacchiera competitiva, ciò che rileverà davvero sarà il nuovo scenario a disposizione dell’utenza, con il suo bagaglio di benefici e applicazioni.


maggiori informazioni su:
www.hikvision.com/it



pagina precedente
Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2019

Videsorveglianza Urbana Integrata

Ethos Academy

  • Brugherio (MB)
    martedì 10 settembre

Pillole formative

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Rimani aggiornato sulle nuove normative