domenica, 16 giugno 2019

Articoli

Convenzioni Consip sulla videosorveglianza: quali regole devono seguire le stazioni appaltanti?

07/01/2019

di Luca Leccisotti, Comandante di Polizia Locale e formatore del personale EELL

In questo periodo, fatto di bandi di finanziamento, nazionali e regionali, in materia di videosorveglianza, il tipico quesito che si pone il RUP - Responsabile Unico del Procedimento (e di conseguenza gli operatori economici) della procedura di acquisizione di strumentazioni con la relativa installazione è: esiste l’obbligo o meno di acquistare detta tipologia merceologica in convenzione Consip? Prima di tutto è necessario fare un excursus normativo circa l’istituto delle convenzioni Consip e i relativi adempimenti in carico al RUP:

• Legge 23 dicembre 1999, n. 488 Art. 26. Acquisto di beni e servizi 3. Le amministrazioni pubbliche possono ricorrere alle convenzioni stipulate ai sensi del comma 1, ovvero ne utilizzano i parametri di prezzo-qualità, come limiti massimi, per l’acquisto di beni e servizi comparabili oggetto delle stesse…...omissis...

• Legge 27 dicembre 2006, n. 296 449. Nel rispetto del sistema delle convenzioni di cui agli articoli 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, e successive modificazioni...omissis...possono ricorrere alle convenzioni di cui al presente comma e al comma 456 del presente articolo, ovvero ne utilizzano i parametri di prezzo-qualità come limiti massimi per la stipulazione dei contratti.

• decreto-legge 6 luglio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135: 7. …omissis…le amministrazioni pubbliche e le società inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, …omissis…relativamente alle seguenti categorie merceologiche: energia elettrica, gas, carburanti rete e carburanti extra-rete, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e telefonia mobile, sono tenute ad approvvigionarsi attraverso le convenzioni o gli accordi quadro messi a disposizione da Consip S.p.A. e dalle centrali di committenza regionali di riferimento …

In pratica: • sussiste l’obbligo del ricorso a Consip per energia elettrica, gas, carburanti rete e carburanti extra-rete, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e telefonia mobile; • è invece prevista la facoltà di ricorso a Consip (con obbligo di parametrazione del prezzo - benchmark Consip) per tutte le altre categorie merceologiche, quindi anche per la videosorveglianza. Il benchmark è il parametro di riferimento a parità di caratteristiche tecnico- costruttive del prodotto. Non è da considerare la marca, in quanto è sempre considerata basilare la locuzione “o equivalente”. In definitiva, nessun allarmismo per gli operatori economici nè per le stazioni appaltanti. L’aspetto fondamentale da tenere sotto controllo è il parametro prezzo/Consip.

Una nota importante: la convenzione Sistemi di Videosorveglianza e servizi connessi è stata attiva dal 22/03/2017 e chiusa il 22/09/2018, pertanto non è più operativa. In pratica, non essendoci più una convenzione operativa, vige l’obbligo dell’acquisto tramite mercato elettronico fino ad Euro 221.000,00. Oltre tale somma, in caso non si stia parlando di un comune capoluogo di provincia, occorre transitare o tramite CUC o SUA (Centrale Unica di Committenza o Stazione Unica Appaltante). Se l’acquisto è sotto soglia comunitaria, gli step da seguire (pena l’annullamento della procedura di gara) sono: 1) manifestazione di interesse (vige l’obbligo di pubblicazione preventivo di questo avviso per scegliere gli operatori economici da invitare: non è possibile invitare discrezionalmente le ditte - TAR Friuli sentenza n.252/2018 - Consiglio di Stato sentenza n. 5833/2018); 2) procedura negoziata sul mepa (o su mercati elettronici regionali); 3) affidamento. Se l’acquisto è over soglia: 1) procedura aperta o ristretta; 2) affidamento. Nel caso di consegne complementari effettuate dal fornitore originario e destinate al rinnovo parziale di forniture o di impianti o all’ampliamento di forniture o impianti esistenti, qualora il cambiamento di fornitore obblighi l’amministrazione aggiudicatrice ad acquistare forniture con caratteristiche tecniche differenti, il cui impiego o la cui manutenzione comporterebbero incompatibilità o difficoltà tecniche sproporzionate, può essere utilizzata la procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara (ex art. 63 comma 3 lett. b) D.lgs 50/2016 ss.mm.ii.), a prescindere dalle soglie raggiunte, dando conto con adeguata motivazione, nel primo atto della procedura, della sussistenza dei relativi presupposti.

QUALI CRITERI DI SELEZIONE DELLE OFFERTE BISOGNA UTILIZZARE, IN CASO DI PROCEDURE DI GARA IN MATERIA DI VIDEOSORVEGLIANZA?

L’articolo 95 comma 2 del codice appalti D.lgs 50/2016 ss.mm.ii. recita: le stazioni appaltanti, nel rispetto dei principi di trasparenza, di non discriminazione e di parità di trattamento, procedono all’aggiudicazione degli appalti e all’affidamento dei concorsi di progettazione e dei concorsi di idee, sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo o sulla base dell’elemento prezzo o del costo, seguendo un criterio di comparazione costo/efficacia quale il costo del ciclo di vita, conformemente all’articolo 96. Può essere utilizzato il criterio del minor prezzo: per i servizi e le forniture con caratteristiche standardizzate o le cui condizioni sono definite dal mercato; per i servizi e le forniture di importo fino a 40.000 euro, nonché per i servizi e le forniture di importo pari o superiore a 40.000 euro e sino alla soglia di cui all’articolo 35, solo se caratterizzati da elevata ripetitività, fatta eccezione per quelli di notevole contenuto tecnologico o che presentano un carattere innovativo. Pertanto in tema di vendita e installazione di sistemi di videosorveglianza, non sembra possibile allo stato attuale utilizzare il criterio di selezione dell’offerta del “prezzo più basso”, in quanto: non sono servizi e forniture con caratteristiche standard, ma differiscono molto tra gli operatori; non sono caratterizzati da elevata ripetitività; presentano notevole contenuto tecnologico e, a seconda dei casi, possono avere anche un carattere innovativo.

La versione integrale dell’articolo riporta tabelle, box o figure, per visualizzarle apri il pdf allegato.  



pagina precedente
Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2019

Videsorveglianza Urbana Integrata

Ethos Academy

  • Caorle (VE), martedì 18 giugno
  • Brugherio (MB)
    martedì 10 settembre

Pillole formative

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Rimani aggiornato sulle nuove normative