venerdì, 30 settembre 2022

News

Normative

Sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati: obblighi informativi dal Decreto Trasparenza

16/08/2022

I sistemi automatizzati, siano essi decisionali o di monitoraggio, fanno parte della realtà lavorativa, anche italiana. Il Legislatore, dunque, ha ritenuto di disciplinare, iniziando a garantire trasparenza. 

Vi era la necessità di adottare anche in Italia (gli stati membri avevano tempo sino al primo agosto 2022 per recepirla) l’impianto normativo di cui alla direttiva UE 2019/1152 in materia di condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione Europea. L’occasione era propizia per garantire trasparenza anche in relazione ai sistemi automatizzati.

Con la norma di cui all’articolo 1 bis è fatto obbligo al datore di lavoro e/o al committente in caso dell’utilizzo di  sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati tesi a fornire indicazioni rilevanti ai fini dell’assunzione o del conferimento dell’incarico, della gestione o della cessazione del rapporto di lavoro, dell’assegnazione di compiti o mansioni nonché indicazioni incidenti sulla sorveglianza, la valutazione, le prestazioni e l’adempimento delle obbligazioni contrattuali da parte dei lavoratori, di fornire una serie di ulteriori informazioni.

Esse dovranno riguardare gli aspetti del rapporto di lavoro sui quali incidono tali sistemi, ivi compresi scopi, finalità, la loro logica ed il loro funzionamento. Altresì dovranno essere informati delle categorie dì dati e i parametri principali utilizzati per programmare o addestrare i sistemi, inclusi i meccanismi di valutazione delle prestazioni, le misure di controllo adottate per le decisioni automatizzate e il livello di accuratezza, robustezza e cybersicurezza dei sistemi e le metriche utilizzate per misurare tali parametri, nonché gli impatti potenzialmente discriminatori delle metriche stesse.

Viene, inoltre, previsto per il lavoratore il diritto di accedere, direttamente o per il tramite delle rappresentanze sindacali (aziendali o territoriali), ai dati e di richiedere inoltre ulteriori approfondimenti sugli obblighi d’informazione elencati. 

Il Legislatore, con le norme varante dal Decreto Trasparenza, ha ritenuto che il primo baluardo a tutela dei lavoratori sia costituito dalla trasparenza, ciò in attesa che vengano varate norme di tutela specifica per le piattaforme di lavoro digitali e, ancora, norme sull'intelligenza artificiale. Norme che una volta adottate affronteranno anche il tema dei rischi connessi all'uso di determinati sistemi di intelligenza artificiale (IA). 

Altri interventi dell’autore, avv. Domenico Battaglia: https://www.secsolution.com/cerca.asp?k=battaglia 

 

 



Tutte le news