martedì, 22 settembre 2020

News

Normative

Impronte digitali nella Pa, dietrofront del ministro Dadone

16/10/2019

ROMA - Come molti sicuramente ricorderanno, il precedente ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, aveva voluto fortemente le impronte digitali “per stanare i furbetti del cartellino e tutelare chi va a lavorare regolarmente”.

L'attuale ministro Fabiana Dadone pensa invece a un dietrofront, tenendo anche conto delle obiezioni del Garante Privacy, che propone modifiche alla misura.

Per quanto riconosca l'utilità della tecnologia, per quanto sia consapevole che vada proseguita l’opera di modernizzazione e digitalizzazione della pubblica amministrazione, ritenuta una sfida fondamentale per gli uffici pubblici e per il Paese, il ministro pensa che essa vada usata in modo meno "criminalizzante". La rilevazione delle impronte, secondo il parere dell'attuale ministro,  contiene in sé uno "stigma di tale negatività che rischia di deprimere anche chi ogni mattina si reca sul posto di lavoro con energia ed entusiasmo”.

Il parere del Garante Privacy per la correzione della legge

“L’astratta, generalizzata e indiferrenziata presunzione di sussistenza, per tutte le amministrazioni pubbliche, di fattori di rischio tali da far ritenere quello biometrico l’unico sistema in grado di assicurare il rispetto dell’orario di lavoro non appare compatibile”, ha scritto il Garante Privacy nel parere,“con il principio di proporzionalità“.  L’Autorità indica così allo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri una serie di indicazioni per rendere la misura meno eccessiva nei confronti della privacy dei dipendenti pubblici.

Il “no” della ministra Dadone va ad aggiungersi a quello del ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti che ha promesso, il 16 settembre scorso: “Escluderemo i presidi dalle impronte digitali”. Gli insegnanti sono esclusi perché impiegano il registro elettronico.

Le impronte digitali per i dipendenti della pubblica amministrazione non sono quindi gradite al governo attuale. La misura è diventata legge a giugno scorso e ha reso obbligatoria la rilevazione delle impronte in formato digitale e, contestualmente, la videosorveglianza, per combattere l’assenteismo nella Pa. Pare però che il rischio che questa legge rimanga inapplicata e prossimamente abrogata sia elevato.

 

(Fonte: Key4Biz)



Tutte le news

Check APP per la videosorveglianza

Calendario Corsi 2020

INTERACTIVE LIVE STREAMING
23-24-25 settembre 2020

Formazione privacy

  • Videosorveglianza e privacy: tecnologie, GDPR, videosorveglianza, cosa cambia?
    Validato da TÜV Italia
  • 10 domande sulla Privacy
    Validato da TÜV Italia

Formazione Norme CEI

  • Norma CEI 64-8: Criteri di prestazione dell'impianto elettrico
    Validato da TÜV Italia
  • Realizzi un impianto antintrusione secondo la norma?
    Validato da TÜV Italia
  • Norme CEI: Analisi e valutazione del rischio
    Validato da TÜV Italia

Formazione Antincendio

  • Il nuovo Codice di Prevenzione incendio

Formazione Responsabilità

  • Obblighi e responsabilità per gli operatori della videosorveglianza
    Validato da TÜV Italia

Formazione Commerciale

  • Vendere Sicurezza - Prima e dopo il Covid: come è cambiata la vendita

Formazione Manageriale

  • Welfare aziendale: come costruire un piano di successo

Videsorveglianza Urbana integrata

  • Per Operatori della Pubblica Amministrazione
    23 settembre, 9:00-12:30

Privacy Channel

Ethos Academy

  • Nuova data Privacy Officer e consulente della privacy nel settore Videosorveglianza
    Bologna, 29-30 Ottobre

Tecniche di vendita

Vitekna

  • Vendere sicurezza 2.0: dopo il Covid-19 come cambia la vendita
    Cercola (NA), 3-10-17 ottobre

Vigilo4You - Vigilanza Group

  • Vendere sicurezza oggi
    Brescia, data in definizione

Pillole formative

DST
Norme CEI sistemi videosorveglianza

  • Cologno Monzese (MI)
    data in definizione

Ethos Academy propone corsi propedeutici che portano alla certificazione degli operatori
Scopri la programmazione »

Coronavirus e comparto sicurezza