mercoledì, 20 marzo 2019

News

Business & People

Videosorveglianza urbana integrata: bilancio positivo di un anno di corsi

30/12/2018

MILANO – In un anno intero di attività, il tour “Videosorveglianza urbana integrata”, organizzato da Ethos Academy con il contributo dei massimi esperti della materia, si è confrontato in modo diretto e aperto con le esigenze di amministratori pubblici e forze dell’ordine, sull’impiego delle tecnologie di videosorveglianza nell’ambito di progetti di sicurezza urbana integrata, finalizzati a un maggiore e più efficace controllo del territorio.

Nel corso degli incontri, è emerso un quadro variegato, e sono state messe in luce le difficoltà che si incontrano nel realizzare sistemi moderni di videosorveglianza urbana interforze. “I partecipanti hanno evidenziato le criticità del panorama normativo che si riflettono inevitabilmente sia sugli aspetti operativi che sullo sviluppo delle tecnologie – osserva Stefano Manzelli, https://www.secsolution.com/articolo.asp?id=647 Consulente enti locali e forze dell’ordine e docente dei corsi al fianco di Marco Soffientini https://www.secsolution.com/articolo.asp?id=650 e Luca Leccisotti – La polizia locale stenta a trovare una interpretazione autentica dell'inquadramento degli impianti di videosorveglianza urbana, tra GDPR, Direttiva speciale 2016/680 per le attività di polizia e Responsabili della protezione dei dati, i temuti DPO – interni o esterni che siano – spesso troppo concentrati sull'attuazione corretta del Regolamento Europeo, ma poco attenti alla direttiva 680 e al relativo decreto legislativo n. 51/2018. Specialmente nel silenzio del garante della privacy e del Ministero dell'interno.”  Nonostante le difficoltà, “le esperienze di buona pratica che stanno emergendo dal territorio – prosegue Manzelli – si sono però rivelate fondamentali per traghettare l'architettura dei sistemi in una direzione chiara, quella della sicurezza urbana integrata e dell'attività interforze”.

A proposito del DPO, “che dovrebbe essere obbligatorio per tutti i comuni – osserva Soffientini, avvocato esperto di privacy e diritto delle nuove tecnologie – laddove è presente, in molti casi viene lasciato solo.” Queste figure dunque si trovano spesso ad operare senza ricevere le necessarie indicazioni sui passi da compiere in tema di videosorveglianza urbana.

“La materia che trattiamo a 360° gradi nel tour è complessa e comprende varie aree tematiche – spiega Luca Leccisotti, Comandante di polizia locale, esperto in gare ed appalti, e docente al fianco di Manzelli e Soffientini – dai patti per la sicurezza, alla privacy fino alla manutenzione e all’acquisto degli impianti. Questi sono temi di interesse per un target ampio, dagli amministratori, ai comandanti di polizia locale fino ai dirigenti degli uffici tecnici. E fino ad oggi. i corsi hanno registrato un’elevata soddisfazione tra i partecipanti”.

Nel 2019 il tour riprenderà la sua corsa, in collaborazione con Hikvision, partner dell’iniziativa, con un nutrito calendario di incontri in diversi comuni italiani.  

https://www.ethosacademy.it/formazione-security-safety.asp?c=1



pagina precedente