Applicazioni e soluzioni

Focus Product

Non otto, ma nove braccia intelligenti per un solo Controller

19/07/2016

Uno dei punti di forza delle moderne unità elettroniche di controllo accessi, o Controller, è la capacità di interfacciarsi con il mondo esterno. Un Controller, infatti, deve essere in grado di connettersi e colloquiare con diversi elementi, locali o remoti, che compongono il sistema: l’unità centrale di elaborazione, i lettori delle credenziali di accesso, i dispositivi di monitoraggio, attuazione e segnalazione del varco e così via. Idris® P3XX – Controller per accessi di ultima generazione, multivarco e polivalente, progettato e prodotto dalla Elex srl di Torino – si distingue sul mercato anche per alcune interessanti novità rispetto allo “stato dell’arte”, introdotte a livello d’interfacciamento. L’unità dispone, infatti, di ben nove “braccia” intelligenti che le consentono di interloquire con l’ambiente esterno in modo semplice ed efficace. Vediamole in sintesi.

 

Verso il server e i lettori

 

Nella soluzione networked, la connessione verso l’unità centrale di elaborazione (Server o PC) è costituita da un’interfaccia LAN/TCP-IP. La stessa LAN, per alcuni modelli, può fornire l’alimentazione necessaria (POE, Power Over Ethernet). Nei casi in cui non è possibile disporre di una rete dati cablata, il Controller può collegarsi all’unità centrale in modalità wireless (tipicamente via GSM/GPRS). In alternativa alla LAN, è disponibile la tradizionale linea seriale asincrona TIA EIA RS232 o RS422-485. Il protocollo di comunicazione è di tipo bidirezionale, crittato, proprietario Elex. Idris® può anche gestire un modem GSM/GPRS e comunicare tramite SMS con una o più utenze di telefonia mobile, prestazione particolarmente utile nelle soluzioni stand alone.

La connessione verso i lettori di credenziali (card, badge, transponder, impronta biometrica ecc.) è stata progettata per funzionare sia con dispositivi wired che wireless.

 

L’interfaccia verso i lettori tradizionali è molto potente e flessibile. Essa, infatti, può essere configurata per operare secondo gli standard industriali più diffusi: Wiegand (26 bit oppure esteso fino a 64), MagStripe, C&D, Omron, seriale RS232-422-485(attraverso protocolli standard o proprietari) eccetera. Nelle connessioni classiche (Wiegand, MagStripe, C&D), il collegamento tra Controller e lettore avviene utilizzando un semplice cavo 2x0,75 + 6x0,22 mm; la lunghezza massima consentita è 90 metri. L’interfaccia verso la rete di dispositivi meccatronici wireless (cilindri, mezzi cilindri, maniglie ecc.), invece, avviene tipicamente tramite gateway connessi via seriale. Il protocollo di comunicazione è quello del produttore dei dispositivi digitali impiegati.

 

Sullo stesso Controller – e questa è un’assoluta novità – possono convivere sia lettori di credenziali wired che wireless. I lettori wired, inoltre, possono essere basati su una qualsiasi tecnologia ID (barcode, banda magnetica, RFId, biometria ecc.) ed essere dotati di una qualsiasi interfaccia fisica e logica (Wiegand, MagStripe, C&D ecc.).

 

Verso il varco e tutto il resto

 

La connessione verso la struttura fisica (porta, tornello, sbarra ecc.) e l’ambiente sottoposto a controllo è costituita da altre due robuste braccia: gli input e gli output. Gli input (12 estendibili a 24) sono digitali e optoisolati; se richiesto, possono essere di tipo bilanciato. Gli output (otto, raddoppiabili) sono costituiti da contatti di relè SPDT (C, NA, NC) o SPST (C, NA) con una portata di 6A @ 30 Vcc/Vca. Altre novità: gli I/O sono liberamente associabili alle varie funzioni (controllo stato porta, apertura tramite pulsante, comando di sblocco, segnalazione di allarme ecc.), è possibile far convivere più funzioni sullo stesso I/O (ad esempio: convogliare su un unico output i segnali di allarme provenienti da più varchi), la polarità degli input è programmabile (basta impostare il modo in cui il singolo input è attivo).

 

L’installatore, quindi, può scegliere sia la soluzione tradizionale in cui gli I/O sono assegnati per default alle varie funzioni sia utilizzare la flessibilità offerta dal Controller per far fronte a particolari esigenze e senza ricorrere a componenti esterni (relè, schede di adattamento ecc.). Il Controller Elex Idris® P3XX, infine, dispone di altre cinque interfacce ausiliarie: USB 3.0, linea seriale RS232-422-485, interfaccia standard CAN bus per applicazioni speciali, interfaccia verso moduli di espansione, connessione verso la console operatore.



maggiori informazioni su:
http://www.elex.it


Tag:   Elex,   sicurezza,   controllo accessi,   controller,  

pagina precedente