Applicazioni e soluzioni

Application Case

Gestione allarme video integrata per grandi aree

01/10/2015

Stato di fatto ed esigenze del committente

Il seminario di Huacho in Perù ha edificato una struttura di dimensioni veramente notevoli. Completo di impianti sportivi, sale ricreative, una grande biblioteca e grandi palazzine, il seminario è in grado di ospitare circa 200 seminaristi in camere singole. Il tutto è cinto da un muro alto cinque metri, per un'estensione perimetrale di circa 2 km. Già in fase di costruzione, era mersa l’esigenza di realizzare una protezione contro le intrusioni a scopo di furto. Questo perché i furti, anche dei materiali destinati alla costruzione, erano ormai normale amministrazione.

 

La protezione richiesta - sia per il muro perimetrale che per le parti interne destinate al magazzinaggio - era fortemente necessaria e doveva essere molto efficace. Oltre a questo, un sistema di videosorveglianza, basato su speed dome gestite dal sistema di antintrusione, doveva permettere al futuro custode di ispezionare i muri di cinta e le aree interne sensibili.

La tecnologia messa in campo

Vista la grande estensione del muro di cinta si è pensato di utilizzare uno speciale sensore, parzialmente costruito da Microvideo, che permetteva di rilevare infrazioni di sfondamento o di scavalco del muro stesso. Questo ha comportato la suddivisione in tanti segmenti del muro, ognuno dei quali con un'estensione massima di 100mt. Per ogni 100 metri era prevista una scheda di raccolta dati la quale, tramite un collegamento a bus, riusciva ad inoltrare i dati verso una centrale posta in una stanza tecnica. La centrale, della serie Synergy, è in grado di gestire fino a 72 ingressi filari e 64 zone via radio.

 

Poiché le zone totali filari erano 180, sono state utilizzate tre centrali Synergy, con una gestione centralizzata tramite un software specifico. In un contesto così ampio sono stati portati i bus della centrale per centinaia di metri fin dove si poteva raccogliere il maggior numero di sensori. Ancora una volta il CAN bus utilizzato nella centrale si è dimostrato robusto ed affidabile, non avendo mai recepito disturbi di alcun genere dal campo. Le schede di espansione della centrale sono dotate di 8 ingressi e 4 uscite, di cui un relè e tre open collector. Utilizzando i relè di tali espansioni, sono state controllate le speed dome disseminate lungo il perimetro in modo che, a seguito di una segnalazione di allarme, andassero a puntare direttamente la zona da cui l’allarme era stato generato. Con apposite App il sistema Synergy ha permesso di gestire ogni stato del sistema di allarme anche tramite cellulare.

 

Oltre a questo un cloud , allora come oggi, permette di gestire l’impianto in modo semplice ed efficace sia all’utente che all’installatore. Infatti l’utente può controllare, oltre che da tastiera e cellulare, anche da pc tutte le fasi: stato impianto, inserimento e disinserimento, reset chiamate telefoniche, tacitazione sirene, stato delle aree, storico eventi, diagnostica, segnalazioni email ed altro.

 

 


maggiori informazioni su:
http://www.microvideo.eu


Tag:   Microvideo,   sicurezza,   allarme,   tvcc,   antintrusione,  

pagina precedente