Applicazioni e soluzioni

Application Case

Monitoraggio urbano, rilevazione targhe e veicoli per il Comune di Atripalda

20/11/2013

Stato di fatto ed esigenze del committente

Dalla sinergia tra il comandante dei Vigili Urbani di San Potito (AV), Domenico Giannetta, e quello del Comando atripaldese guidato dal tenente Sabino Parziale, è nato un importante progetto di sicurezza. Si è infatti da poco conclusa l’installazione dell’impianto di telecamere nel Comune di Atripalda, nell'Avellinese. L’occhio elettronico servirà a monitorare le zone del centro cittadino, con un controllo costante delle arterie principali.

La tecnologia messa in campo

altra via a scorrimento, mentre altre due telecamere sono state installate sulla rotatoria con movimento a 180° per tenere sotto controllo le vie principali. A breve sarà installata la segnaletica per evidenziare le aree videosorvegliate. La prossima tappa sarà l’approvazione in Consiglio Comunale del regolamento che ne disciplinerà il funzionamento.
Il sistema, realizzato da NetPharos di Mercogliano (AV) in collaborazione con SIR.tel., è stato finanziato con fondi regionali.

Il sistema di sicurezza urbana integrata si muove lungo due direttrici: la prima riguarda la rilevazione e l’archiviazione in banca dati dei numeri di targa dei veicoli che transitano; la seconda è relativa al tipo di veicolo in transito grazie ad una telecamera di contesto. Il primo obiettivo, ossia la rilevazione e l’archiviazione in banca dati dei numeri di targa dei veicoli che transitano, è stato raggiunto con le nuove telecamere TCP/IP di Selea, la cui lettura automatica delle targhe non teme confronti in termini di precisione e qualità di lettura. Queste telecamere integrano una sofisticata tecnologia di analisi video che le rende imbattibili nel riconoscere i caratteri delle targhe di tutti i paesi europei, anche nelle peggiori condizioni ambientali. La telecamera Targha di Selea è provvista di uno slot per l’allocazione di una memoria (Compact Flash) utile all’inserimento di liste speciali (white list, black list o altra lista) e allo storage delle targhe catturate (durante eventuali interruzioni delle trasmissioni radio/3G).

Il secondo obiettivo, ossia il riconoscimento del tipo di veicolo in transito, è stato raggiunto grazie alla telecamera di contesto analogica, connessa al videoserver con ingresso analogico integrato nella telecamera Targha di Selea. Questa soluzione offre la libertà di scegliere il tipo di telecamera di contesto che più soddisfa le proprie esigenze, consentendo altresì di posizionare la telecamera dove si preferisce.

L’archiviazione dei dati è stata realizzata mediante il software Statistics di SIR.tel. Il modulo di interconnessione Statistics LPR permette di estrapolare le immagini e di visualizzarle su monitor dedicato, ovvero su modulo integrato per terze parti. Grazie a Statistics, risulta completa l’estrapolazione delle targhe rilevate anche tramite PDF (Report 500), che riporta in una pagina esportabile e documentabile le targhe rilevate di interesse

La parola alla committenza

Il sistema sarà presto ampliato e completato con l’installazione di nuove telecamere in altre zone. Il prossimo passo sarà poi la formazione del personale che si dedicherà al monitoraggio delle immagini riprese. Fondamentale, infatti, al di là del supporto tecnico di ultima generazione, la presenza di agenti qualificati e una corretta e costante manutenzione degli impianti. “La finalità del progetto è la sicurezza: siamo tra i primi Comuni in Italia ad avere un sistema così all’avanguardia - già diffuso invece in Inghilterra e in America. E' importante procedere nella direzione dell’integrazione e delle sinergie tra enti: siamo soddisfatti che anche qui stia partendo il progetto realizzato in convenzione tra i Comuni confinanti di Atripalda e San Potito “, spiega il comandante dei Vigili Urbani di San Potito.

Le telecamere sono collocate su due varchi di rilevazione in entrambi i sensi di marcia. Con il Comune di Atripalda è stato presentato un progetto per un’infrastruttura che possa essere avviata per moduli. Per la realizzazione dei collegamenti delle telecamere alla rete dati è stata realizzata una rete Wireless Hiperlan a 5.4Ghz con apparati radio Infinet Wireless della serie MIMO, che permettono collegamenti dedicati via etere in modalità direttiva, sfruttando anche le eventuali riflessioni degli ostacoli.Le apparecchiature Infinet Wireless utilizzate per la rete radio hanno permesso di realizzare una rete wireless con tecnologia MINT sia per le connessioni punto-punto di dorsale, sia per le connessioni multi-punto di raccolta. Presso il Comando di Polizia Municipale è stato installato il server che sarà anche accessibile via Internet previa autenticazione. “L’archivio dei numeri di targa dura sette giorni dalla registrazione” - commenta il sindaco, nel rispetto della privacy. “Abbiamo puntato al meglio - conclude il tenente Giannetta“.

www.sirtel.it

 


Tag:   SIR.tel,   sicurezza,   tvcc,   videosorveglianza,   telecamere,  

pagina precedente